Il sociologo Antonio Marziale, presidente dell'Osservatorio sui Diritti dei Minori e consulente della Commissione parlamentare per l'Infanzia, ha dichiarato che la sentenza della Cassazione che vieta le punizioni umilianti nei confronti degli alunni a scuola è "assolutamente condivisibile''. E' paradossale, afferma il sociologo "che per esigere il rispetto dovuto ai minori si debba pronunciare addirittura la magistratura e se cio' avviene vuol dire che c'e' gente che dovrebbe cambiar mestiere, piuttosto che insegnare''. La parola - conclude Marziale - è "l'unica strategia pedagogica per far riflettere un soggetto in eta' evolutiva che sbaglia sull'errore commesso e non esistono alternative. Certi metodi non sono degni di un Paese compiutamente civile''.
Vedi anche: No alle punizioni che deridono lalunno bullo. Parola di Cassazione

Condividi
Feedback

(10/12/2009 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi: