La zona rossa è quella che impone regole più severe per i cittadini, i Governatori delle Regioni però chiedono di abbandonare il sistema dei colori

Zona rossa e Covid 19

[Torna su]

Dal 2020 la zona rossa è entrata nel gergo comune legato alla pandemia Covid, per definire quelle zone in cui, a causa dei contagi più elevati, vengono imposti i divieti più stringenti. Nessuno spostamento fuori zona, tante attività chiuse e uscite consentite solo per motivi di salute, lavoro o stretta necessità. E' notizia però proprio di questi giorni che il Governo Draghi potrebbe abbandonare il sistema dei colori giallo, arancione e rosso, per graduare e definire quindi le condizioni di contagio dei vari territori italiani e le limitazioni più o meno stringenti a cui potrebbero andare incontro gli abitanti di una certa area della penisola rispetto a un altra.

Cosa determina il cambio di colore

[Torna su]

Sono tre i fattori che determinano le autorità a imporre il cambio di colore delle Regioni: l'incidenza, il numero dei posti letto occupati per i ricoveri ordinari e il numero dei posti letto occupati in terapia intensiva.

Quando scatta la zona rossa

[Torna su]

La zona rossa scatta nel momento in cui l'incidenza è superiore ai 150 casi ogni 100.00 abitanti, i posti letto occupati in relazione ai ricoveri ordinari supera il 40%, i posti letto occupati in terapia intensiva supera il 30% dei posti disponibili.

Zona rossa e regole

[Torna su]

La Regione o il territorio che vengono bollati come zona rossa sono quelli che subiscono maggiori restrizioni perché sono quelli in cui l'indice di contagio più elevato e il rischio numerico di diffusione della pandemia è superiore rispetto ad altre zone.

Chi risiede all'interno di una zona rossa non può infatti uscire di casa se non per motivi di lavoro, salute o di necessità. Vietato lo spostamento tra regioni ad eccezione dei soggetti in possesso del Green Pass. Imposta la chiusura di molte attività commerciali, fatta eccezione per quelle di stretta necessità. Le scuole vengono chiuse e i ragazzi tornano tutti in Dad. La ristorazione è consentita solo fino alle ore 22.00, ma solo per l'asporto.

Regole nuove dal 31 gennaio 2022?

[Torna su]

La risalita dei contagi causati dalla variante Omicron potrebbero imporre al Governo un cambio di passo per quanto riguarda il sistema dei colori adottato finora. I Governatori delle regioni da tempo chiedono regole più semplici.

Dal 24 gennaio 2022 intanto alcune Regioni sono passate alla zona arancione: alla Valle d'Aosta si sono aggiunte Abruzzo, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte e Sicilia, dopo il monitoraggio settimanale dell'Istituto Superiore di Sanità.


Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: