L'omicidio del consenziente è il reato previsto dall'articolo 579 c.p., che punisce chi cagiona la morte di un uomo con il suo consenso
uomo cammina verso la luce

Il consenso della vittima

[Torna su]

L'omicidio del consenziente, per potersi dire integrato in luogo dell'omicidio, richiede che il consenso della vittima sia:

  • personale,
  • effettivo (ovverosia serio, esplicito e non equivoco),
  • valido,
  • senza riserve.

In presenza di tali presupposti, non è necessaria una forma specifica ma lo stesso può essere prestato in qualunque modo.

In ogni caso, il consenso è revocabile in qualsiasi momento e, quindi, perché possa dirsi integrato il reato in analisi è necessario che lo stesso perduri sino a quando viene commesso il fatto.

La pena per l'omicidio del consenziente

[Torna su]

L'omicidio del consenziente è punito molto meno duramente rispetto all'omicidio ma comunque in maniera severa, in quanto per esso l'articolo 579 del codice penale prevede la pena della reclusione da sei a quindici anni.

Non si applicano, tuttavia, le circostanze aggravanti comuni previste dall'articolo 61 c.p..

Omicidio del consenziente ed errore sul consenso

[Torna su]

Come precisato dalla giurisprudenza, dato che il consenso è un elemento costitutivo dell'omicidio del consenziente, laddove il colpevole incorra in errore circa la sua sussistenza deve ritenersi applicabile l'articolo 47 del codice penale. Di conseguenza, l'eventuale errore sul consenso non esclude la punibilità del reo per un diverso reato (v. Cass. n. 3392/2018).

Presunzione di invalidità del consenso

[Torna su]

In alcuni casi espressamente individuati dalla legge il consenso si presume invalido e ciò determina l'applicabilità delle disposizioni relative all'omicidio comune.

In particolare, ciò si verifica quando la vittima:

  • è minorenne,
  • è inferma di mente o si trova in condizioni di deficienza psichica per un'altra infermità o per l'abuso di sostanze alcooliche o stupefacenti,
  • ha prestato il consenso a seguito di violenza, minaccia, suggestione o inganno.

Omicidio del consenziente ed eutanasia

[Torna su]

L'omicidio del consenziente viene spesso messo in relazione con l'eutanasia.

Quest'ultima, infatti, può configurare tre diverse fattispecie di reato, tra le quali rientra anche quella in commento. Le altre due, più frequenti, sono l'omicidio volontario di cui all'articolo 575 c.p. (che si realizza quando non vi è alcun consenso della vittima ma il reo agisce solo per propria pietà) e l'istigazione o aiuto al suicidio di cui all'articolo 580 c.p..


Vai alla guida Omicidio

Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: