Importante decisione della CTP di Roma: se l'indirizzo di posta elettronica certificata dal quale è notificata la cartella esattoriale non è presente negli elenchi ufficiali la notifica non risulta regolare
uomo confuso con davanti punto interrogativo

di Valeria Zeppilli - Attenzione alla notifica via p.e.c. delle cartelle esattoriali: come emerso da un'importante pronuncia della Commissione Tributaria Provinciale di Roma (la numero 601/2020 qui sotto allegata) la stessa potrebbe non risultare regolare, con grande sollievo dei contribuenti.

Notifica Agenzia delle Entrate: la p.e.c. deve risultare dagli elenchi

[Torna su]

Per la CTP è infatti fondamentale che l'indirizzo di posta elettronica certificata dal quale proviene la notifica sia riportato negli elenchi ufficiali tenuti presso il Ministero della Giustizia, la Camera di Commercio o il sito del Concessionario e l'Indice delle Pubbliche Amministrazioni previsto dal Codice del Consumo.

Le garanzie per il contribuente

[Torna su]

In caso contrario, del resto, il contribuente non avrebbe alcuna garanzia circa l'effettiva provenienza della notifica dall'Agenzia delle Entrate riscossione e verrebbero meno, pertanto, le tutele imposte per tutte le notifiche telematiche.

Notifica Agenzia delle Entrate: la vicenda

[Torna su]

Nel caso di specie, l'Agenzia delle Entrate Riscossione aveva utilizzato l'indirizzo di posta elettronica certificata notifica.acc.lazio@pec.agenziariscossione.gov.it, che, tuttavia, non risultava iscritto in nessuno dei predetti elenchi ufficiali. La connessa relata depositata dall'ufficio non è pertanto risultata sufficiente per dimostrare di aver correttamente e tempestivamente notificato la cartella oggetto della lite. Per la CTR, quindi, questa non risulta regolarmente notificata.

Trattandosi di una modalità di notifica utilizzata su tutto il territorio nazionale, tale sentenza è destinata a impattare notevolmente su un gran numero di notifiche.


Si ringrazia l'Avv. Gian Luca Proietti Toppi per la cortese segnalazione

Scarica pdf sentenza CTP Roma n.601/2020
Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: