In arrivo il regolamento attuativo che estende il "registro delle opposizioni" anche ai numeri di cellulare. Sarà esaminato nel prossimo Consiglio dei Ministri
cartello di stop a telefonate indesiderate

di Gabriella Lax - Tempestano gli utenti ogni giorno. Sono tante le lamentele di chi riceve chiamate dai call center. Ma se dal telemarketing selvaggio sui telefoni fissi ci si può difendere con l'iscrizione al registro delle opposizioni, pare che ci sia una speranza anche per evitare chiamate indesiderate sui cellulari.

La proposta al vaglio

[Torna su]

Dovrebbe approdare, infatti, stando ai rumors, nel prossimo Consiglio dei Ministri il regolamento attuativo che estende la platea di quelli che possono iscriversi al registro delle opposizioni includendo anche i possessori dei telefonini, in base a quanto previsto dalla legge 5/2018 (Leggi Registro opposizioni cellulari: a che punto siamo). Grandi numeri, ed una svolta per il nuovo registro: che potrebbe includere 20 milioni di numeri fissi e ben 83 milioni di numeri cellulari, per superare una potenziale platea totale di più di 100 milioni di numeri.

Questione di tempo perché l'iter dopo il Consiglio dei Ministri prevede una consultazione anche con le associazioni a difesa dei consumatori nonché con gli operatori telefonici. Proprio per tale trafila l'operatività dell'estensione del registro potrebbe arrivare per la fine del 2020.

Cos'è il registro delle opposizioni

[Torna su]

Attualmente il registro pubblico delle opposizioni è un servizio gratuito mediante il quale l'utente si può opporre all'utilizzo (per il telemarketing) del suo numero di telefono e indirizzo presenti negli elenchi pubblici per scopi pubblicitari. Il registro riguarda solo i numeri fissi e da un anno circa anche la posta cartacea. Per la revoca di iscrizione al registro pubblico delle opposizioni del numero di telefono del quale si è intestatari sarà necessario chiamare dalla linea telefonica dalla quale si richiede l'operazione il numero RPO (gratuito) 800.265. 265 e seguire le indicazioni che saranno fornite dal risponditore automatico.

Leggi Telemarketing: come iscriversi al registro delle opposizioni

Come funzionerebbe il nuovo registro

[Torna su]

In sintesi prima di chiamare gli utenti, chi vorrà fare telemarketing avrà la necessità di consultare il registro sul quale sarà indicato con chiarezza se il soggetto in questione ha dato, o meno, il suo consenso a ricevere chiamate di pubblicità. Per accedere al registro si dovrà sostenere un pagamento annuale al gestore telefonico o al Ministero dello Sviluppo. Se sarà un gestore ad occuparsi del registro, dovrà essere assicurata la vigilanza sia del ministero sia del Garante della privacy. Gli utenti avranno due possibilità per iscriversi al registro: utilizzando l'apposito modulo elettronico sul sito web del gestore del registro oppure mediante chiamata, usando il numero della linea telefonica per la quale si intende negare il consenso.

Condividi
Feedback

(15/01/2020 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Coronavirus, udienze da remoto: le linee guida del Csm
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto