Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Autorizzazioni all'uso di armi

Condividi
Seguici

Il potere di rilasciare le autorizzazioni all'uso delle armi si caratterizza per l'ampia discrezionalità dell'Autorità statale
licenza porto armi pistola
Avv. Francesco Pandolfi - La caratteristica fondamentale delle norme in materia di armi è l'assenza di posizioni di diritto soggettivo con riguardo alla detenzione e al porto di armi, caratteristica che poi è il presupposto dell'ampia discrezionalità dell'Autorità competente in materia.

  1. Il rilascio delle autorizzazioni all'uso di armi
  2. Il compito dell'Autorità di P.S.
  3. La discrezionalità

Il rilascio delle autorizzazioni all'uso di armi

In effetti, il potere di rilasciare le autorizzazioni all'uso delle armi, così come il potere di disporne la revoca o la sospensione, per come sono congegnati dal T.u.l.p.s. appaiono caratterizzati dall'ampia discrezionalità dell'Autorità competente, che è in grado di adottare provvedimenti inibitori in qualsiasi momento, tanto in caso di cosiddetto abuso, quanto ove ritenga che vi sia un pericolo di uso non corretto delle armi, oppure nel caso in cui venga meno il giudizio di idoneità e di affidabilità inizialmente formulato.

L'architettura delle norme in questa delicata materia ci dice quanto abbiamo illustrato, ma anche le sentenze amministrative di primo e secondo grado fissano quei concetti, ricordando man mano l'estensione della discrezionalità ministeriale ed avvisando sui limiti di tale potere.

Il compito dell'Autorità di P.S.

In pratica, ciò che bisogna tenere presente è che il compito dell'Autorità di P.S. non è sanzionatorio o punitivo, ma è di natura cautelare e consiste nel prevenire abusi e sinistri con l'uso delle armi, tutto questo a protezione dell'incolumità pubblica e privata.

Compito delicato e non facile; diciamo cosi che ai fini della revoca dell'autorizzazione e del divieto di detenzione armi e munizioni non è necessario un accertato abuso delle armi, ma è sufficiente la sussistenza di circostanze che dimostrino come la persona in questione non sia del tutto affidabile al loro uso.
Addirittura la Legge si spinge a dire che, vista l'ampia discrezionalità che l'Ordinamento ripone nelle mani dell'Amministrazione, teoricamente non si richiederebbe neppure una particolare motivazione.

La discrezionalità

Questo è un passaggio certamente delicato, dal momento che accordare un potere così vasto all'Autorità potrebbe equivalere ad annullare del tutto la posizione contrapposta di chi chiede l'autorizzazione ed abbia i presupposti per poterlo fare.

Ancora una volta viene in aiuto la giurisprudenza che ci aiuta a risolvere questo enigma.

Come è possibile, infatti, che da una parte esista una così vasta discrezionalità e, dall'altra, non vi sia alcun diritto da parte dell'interessato all'autorizzazione?

Ebbene, i Giudici di diversi Tar e lo stesso Consiglio di Stato hanno più volte ribadito: vero è che i provvedimenti inibitori adottati dall'amministrazione possono non richiedere una specifica motivazione, ma è pur sempre vero che queste valutazioni non devono essere irrazionali o arbitrarie.



Altre informazioni?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed и autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(08/11/2019 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Risarcisce il padre la madre che impedisce gli incontri col figlio
» Nessun reato se la radio ad alto volume infastidisce solo una vicina

Newsletter f t in Rss