Sei in: Home » Articoli

Reati nello spazio: quale legge si applica

Condividi
Seguici

La vicenda di un'astronauta accusata di accesso illecito dallo spazio ai dati della ex moglie porta in risalto la questione della legge penale applicabile
giustizia con bilancia nel cielo

di Valeria Zeppilli - Di recente, è balzata agli onori della cronaca la vicenda di una donna americana, di professione astronauta, accusata di aver eseguito un accesso illecito ai conti correnti della sua ex moglie nel corso di una missione della Stazione Spaziale Internazionale e, quindi, mentre si trovava in orbita.

  1. Il primo reato nello spazio
  2. L'accordo tra le agenzie spaziali
  3. La vicenda

Il primo reato nello spazio

Ancora il destino dell'astronauta è incerto, ma se dovesse essere condannata ci troveremmo di fronte al primo caso di reato commesso nello spazio.

Di fronte a tale vicenda sorge spontanea una domanda: quale legge penale si applica?

L'accordo tra le agenzie spaziali

La risposta la si trova nell'accordo tra le agenzie spaziali che gestiscono la Stazione Spaziale Internazionale, ovverosia la NASA, la Roscosmos, l'Esa, la Csa e la Jaxa, che, sebbene in passato non vi siano stati casi simili, si sono preoccupate di regolamentare la questione.

In particolare, in tale accordo si stabilisce che la responsabilità penale di un astronauta per i fatti commessi nel corso di una missione nello spazio è regolata dalle leggi vigenti nel paese del quale lo stesso è cittadino.

La vicenda

Per il momento, il destino dell'astronauta che, dallo spazio, ha spiato i conti della ex moglie non è ancora segnato.

Della vicenda, però, sono già stati interessati dalla vittima la Federal Trade Commission degli USA e l'ispettore generale della Nasa. L'astronauta si difende asserendo di non aver commesso nulla di illecito ma di essersi voluta solo accertare che i conti della famiglia fossero a posto. Su di lei, tuttavia, pende l'accusa di accesso non autorizzato e furto di dati personali.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(29/08/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: l'equo compenso non funziona
» Intralciare l'ambulanza? Si rischia una multa fino a 173 euro

Newsletter f t in Rss