Sei in: Home » Articoli

Obbligo di repechage

Condividi
Seguici

Prima di intimare un licenziamento per giustificato motivo oggettivo, il datore di lavoro deve adempiere all'obbligo di repechage. Vediamo di che si tratta
lavoro licenziamento mobbing

di Valeria Zeppilli - L'obbligo di repechage è un obbligo che grava sul datore di lavoro che intende licenziare un proprio dipendente per giustificato motivo oggettivo.

Vediamo in cosa consiste e quando sorge.

  1. Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo
  2. L'obbligo di repechage
  3. Repechage e demansionamento
  4. La prova dell'obbligo di repechage

Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo

Preliminarmente, è opportuno soffermarsi sul licenziamento per giustificato motivo oggettivo, che, come visto, è la causa di recesso datoriale rispetto alla quale l'obbligo di repechage viene in rilievo.

Si tratta di un licenziamento strettamente connesso a delle esigenze oggettive del datore di lavoro e che deriva da ragioni inerenti all'attività produttiva, all'organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa.

Non viene in alcun modo in rilievo la condotta del dipendente.

Esempi di licenziamento per giustificato motivo oggettivo

Per comprendere meglio, si ha licenziamento per giustificato motivo oggettivo, ad esempio, se l'azienda presso la quale è impiegato il datore di lavoro si trova in una situazione di crisi ed è costretta a ridurre il personale.

Ancora, rientra nella fattispecie del licenziamento per giustificato motivo oggettivo la soppressione di un certo posto di lavoro in conseguenza di digitalizzazione o esternalizzazione delle mansioni affidate a quel lavoratore.

Gli esempi potrebbero essere infiniti.

L'obbligo di repechage

Perché il licenziamento per giustificato motivo oggettivo sia legittimo sono necessari diversi presupposti, tra i quali il rispetto dell'obbligo di repechage da parte del datore di lavoro.

Questi, in particolare, deve verificare che nella sua azienda non vi siano posti vacanti nei quali ricollocare il dipendente che intende licenziare e che quindi il licenziamento sia davvero l'unica soluzione possibile.

Il licenziamento, infatti, si configura come extrema ratio e, quindi, non può essere intimato se vi sono soluzioni alternative, comunque coerenti con le ragioni inerenti all'attività produttiva, all'organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa che hanno indotto il datore di lavoro a sopprimere quel determinato posto di lavoro.

Repechage e demansionamento

A seguito della modifica apportata dal cd. Jobs Act all'articolo 2103 del codice civile (che si occupa di mansioni), i confini dell'obbligo di repechage sono divenuti più ampi.

Tale norma è infatti rispettata anche se il lavoratore è adibito a una mansione di livello immediatamente inferiore al suo, purché la categoria professionale resti la stessa.

Si parla, in questo caso, di repechage demansionante.

La prova dell'obbligo di repechage

In caso di impugnazione del licenziamento per giustificato motivo oggettivo, l'onere di dimostrarne la legittimità grava in capo al datore di lavoro.

Di conseguenza sarà il datore a dover provare, tra le altre cose, di aver rispettato l'obbligo di repechage.

La prova ha ad oggetto, poi, la sussistenza del motivo oggettivo addotto a giustificazione del licenziamento, il nesso causale tra questo e il recesso ed, eventualmente, il rispetto dei criteri di scelta del dipendente da licenziare, ispirati a correttezza e buona fede.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(15/06/2019 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Cassazione: sms e e-mail fanno piena prova in giudizio
» Multe anche al conducente se il passeggero non mette il casco o la cintura
» Il padre mantiene la figlia avvocato non ancora autosufficiente
» Cassazione: sms e e-mail fanno piena prova in giudizio
» Decreto ingiuntivo senza giudice

Newsletter f t in Rss