Sei in: Home » Articoli

Processo civile: la RAC prova la consegna

La ricevuta di avvenuta consegna dimostra fino a prova contraria che il messaggio informatico è pervenuto nella pec del destinatario
Donna con un tablet

di Valeria Zeppilli – Con riferimento alle comunicazioni tramite posta elettronica certificata, la cd. RAC, ovverosia la ricevuta di avvenuta consegna, assume un ruolo di primo piano. Tale documento, infatti, dimostra fino a prova contraria che il messaggio informatico spedito è giunto nella casella elettronica del destinatario.

Sul principio, già affermato in diverse occasioni, la Corte di cassazione è tornata di recente con l'ordinanza numero 27250/2018 qui sotto allegata.

La comunicazione di cancelleria

Il predetto effetto rende chiaro quando possa dirsi perfezionata la comunicazione via p.e.c. eseguita dalla cancelleria: quando la stessa è corredata dall'attestazione di ricezione del procuratore.

La vicenda

Nel caso deciso dalla Corte con la predetta ordinanza, tale certificazione difettava e l'unico elemento certo era rappresentato dall'attestazione da parte della Segreteria del Consiglio di Stato della mancata ricezione della comunicazione via p.e.c. dell'avviso della pubblicazione della sentenza con la quale era stato definito il giudizio presupposto.

Ciò considerato e visto il principio ribadito nella propria pronuncia, la Corte di cassazione ha accolto le pretese del ricorrente cassando con rinvio il decreto con il quale la Corte d'appello di Roma aveva statuito l'inammissibilità del suo ricorso ex artt. 2 e 3 della legge Pinto poiché tardivo.

Corte di cassazione testo ordinanza numero 27250/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(03/11/2018 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Auto: multe da 712 euro per chi circola con targa estera
» Asili e case di riposo: in arrivo le telecamere
» Bruciare rami e sterpaglie è reato?
» Arriva il certificato di successione
» Inps: le somme pagate in più non vanno restituite

Newsletter f g+ t in Rss