Sei in: Home » Articoli

Atti giudiziari e raccomandate: i nuovi moduli

Poste Italiane comunica che la nuova modulistica per inviare atti e raccomandate giudiziari potrà essere richiesta agli indirizzi indicati
Mano che consegna busta
di Lucia Izzo - Con una nota dello scorso 13 giugno 2018 (sotto allegata) il Ministero della Giustizia ha trasmesso agli interessati la comunicazione di Poste italiane S.p.A. riguardante la nuova modulistica predisposta per l'invio degli atti giudiziari e delle raccomandate giudiziarie.

La trasmissione è avvenuta nei confronti del Presidente e del Procuratore generale della Cassazione, dei Presidenti e Procuratori generali delle Corti d'appello, del Presidente del Tribunale superiore delle acque pubbliche, nonché, per conoscenza, al Consiglio Nazionale Forense con preghiera di assicurarne, per quanto di rispettiva competenza, idonea diffusione presso le cancellerie e le segreterie giudiziarie.

Poste Italiane, infatti, ha evidenziato la necessità che, a partire da lunedì 4 giugno 2018, sia utilizzata la nuova modulistica predisposta per l'invio di Atti Giudiziari e Raccomandate Giudiziarie, precisando che, qualora il mittente non utilizzi i nuovi modelli, sarà invitato al riallestimento degli invii.

Nuovi modelli: la richiesta agli indirizzi e-mail di Poste

Poste ha chiarito che i nuovi modelli saranno forniti, ai sensi della Convenzione attualmente vigente con il Ministero della Giustizia, mediante invio della richiesta agli indirizzi e-mail contenuti nell'allegato 1, riportato in calce alla comunicazione.

Nella richiesta dovrà essere indicato come oggetto della comunicazione "Richiesta modulistica AG e RAG", in funzione del centro di appartenenza.

Per quanto riguarda ogni ulteriore e differente modulo per i servizi postali, viene fornito dalla comunicazione un apposito link alla pagina di modulistica a cui sarà possibile fare riferimento.


Comunicazione Ministero Giustizia modulistica AG e RAG
(25/06/2018 - Lucia Izzo)
In evidenza oggi:
» Divorzio: ecco la decisione delle Sezioni Unite sull'assegno
» Mamme avvocato: il legittimo impedimento è realtà
» Il decreto penale di condanna
» Il giudizio immediato
» Avvocati: no alla gestione separata Inps

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss