Sei in: Home » Articoli

Il Ctu deve essere pagato da tutti

La Cassazione precisa che il Ctu può chiedere il pagamento delle sue spettanze a chiunque, a prescindere dalla ripartizione contenuta nella sentenza definitiva
uomo regge con una mano una pila di soldi

di Annamaria Villafrate - La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 15204/2018 (sotto allegata) precisa che, il CTU operando nell'interesse della giustizia, con mandato neutrale, dopo aver chiesto inutilmente il quantum dovuto, può esigere il pagamento solidale del suo compenso alle parti, senza che rilevi la ripartizione di questa voce di spesa contenuta nel provvedimento definitivo.

La vicenda processuale

In una causa di risarcimento danni da sinistro stradale RCA il Tribunale rigetta le domande di parte attrice avverso le quali propongono impugnazione nanti Corte d'Appello che però respinge il gravame. Gli attori soccombenti nei primi due gradi di giudizio avanzavano a questo punto ricorso in Cassazione, anche per il seguente motivo: violazione e falsa applicazione dell'articolo 168 d.p.r. 115/2002 e successive modifiche, considerato che "il Tribunale avrebbe dovuto compensare almeno le spese delle due consulenze tecniche d'ufficio: il giudice d'appello ha ritenuto che non vi fossero ragioni di compensazione per la totale soccombenza degli attori, avendo questi già ricevuto tutto quanto era loro dovuto prima di avviare la causa. Invece - affermano i ricorrenti - non sarebbe così per le spese di accertamento tecnico."

Spese del CTU: la responsabilità è solidale

Secondo la Corte di Cassazione però "Il motivo è palesemente infondato: esso invoca giurisprudenza non pertinente con la compensazione, e che anzi afferma l'esistenza della responsabilità solidale delle parti rispetto al consulente (Cass. sez. 1, 12 novembre 2015 n. 23133 - per cui "il consulente tecnico d'ufficio che abbia inutilmente chiesto il dovuto in base al decreto di liquidazione provvisoria del compenso può esigerne il pagamento solidale dalle parti a prescindere dalla diversa ripartizione della spesa contenuta nella sentenza che ha definito il giudizio, in quanto - salvi i rapporti interni tra le parti - l'ausiliare opera nell'interesse della giustizia in virtù di un mandato neutrale."). Non si vede, pertanto, in base a quale ragione il giudice d'appello, a fronte di una completa soccombenza, abbia violato le norme per non avere disposto la compensazione."

Cassazione sentenza n. 15204-2018
(17/06/2018 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Gratuito patrocinio: se il ricorso è inammissibile addio compenso all'avvocato
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Stop al divieto delle due lauree
» Quota 100: in pensione prima ma con assegno pi¨ leggero

Newsletter f g+ t in Rss