Sei in: Home » Articoli

Segnali stradali: cosa indicano quelli quadrati?

I segnali stradali quadrati forniscono agli utenti della strada informazioni utili e molto importanti. Quali sono le caratteristiche di questi segnali e quali sono i più importanti? 
segnali stradali luminosi e quadrati di attraversamento pedonale
di Annamaria Villafrate - Il Codice della Strada classifica i segnali stradali in verticali, orizzontali, luminosi e attrezzature complementari. Tra le forme dei segnali, quella quadrata serve per dare indicazioni importanti agli utenti della strada. Essi infatti forniscono informazioni utili e talvolta necessarie per la guida e il riconoscimento di luoghi, percorsi, servizi e impianti.

Segnali stradali quadrati: caratteristiche e finalità

I segnali quadrati possono essere di:

  • preavviso,
  • direzione,
  • conferma,
  • identificazione strada,
  • itinerario,
  • località e centro abitato,
  • nomi di strada,
  • turistici,
  • territorio.

Segnali stradali quadrati: colori

  • Per quanto riguarda i colori di questi cartelli, non c'è che l'imbarazzo della scelta:
  • fondo blu con disegno bianco e/o colorato;
  • sfondo arancio con sagome nere;
  • fondo rosso con scritta bianca;
  • sfondo bianco con scritte nere e/o disegni grafici colorati.

Principali segnali stradali quadrati

  • Ospedale: segnala la presenza nelle vicinanze di un nosocomio, una clinica o una casa di cura e invita a limitare i rumori.
  • Attraversamento pedonale: segnala il transito da parte dei pedoni in assenza di semaforo e al di fuori di un incrocio stradale.
  • Scuolabus: Segnala la fermata di un mezzo di trasporto per scolari. Può essere applicato anche all'interno di un autobus, ma in questo caso indica che il veicolo trasporta scolari.
  • SOS: segnala la presenza nelle vicinanze di apparecchi di chiamata stradale per ricevere assistenza o soccorso stradale.
  • Sottopassaggio pedonale: collocato a doppia faccia all'inizio di una rampa di scale, segnala un sottopasso riservato ai pedoni.
  • Sovrappassaggio pedonale: anch'esso viene posto a doppia faccia all'inizio di una rampa di scale, segnala un sovrappassaggio per i pedoni.
  • Strada senza uscita: segnala che la strada all'inizio della quale è posizionato non consente l'uscita da un altro punto per tutti i veicoli.
  • Strada riservata a veicoli a motore: segnala l'inizio di una strada riservata esclusivamente al transito dei veicoli a motore.
  • Galleria: segnala l'inizio di una galleria. A esso possono essere pannelli integrativi contenenti la denominazione e la lunghezza della galleria.
  • Ponte: segnala l'inizio di un ponte, cavalcavia o viadotto. La presenza di eventuali pannelli integrativi possono essere uniti per indicare l'eventuale denominazione e lunghezza.
  • Zona a traffico limitato: segnala l'inizio di un'area in cui sono presenti limiti di circolazione in certi orari o per determinati veicoli.
  • Attraversamento ciclabile: indica la presenza di una intersezione con una pista destinata alla circolazione delle biciclette in cui è presente l'apposita segnaletica orizzontale.
  • Piazzola di sosta: in autostrada questo segnale è di colore verde e in alcuni casi contiene anche il simbolo di "SOS".
Vai alla guida I segnali stradali

(17/02/2018 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Registrare le conversazioni viola il diritto alla riservatezza
» Notifica cartella via pec: illegittima senza firma digitale
» Quali sono i beni che non si possono pignorare?
» Le misure cautelari
» Gdpr: al via la procedura online


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss