Sei in: Home » Articoli

Sacchetti bio: si pagano anche dai calzolai

La cessione a titolo oneroso dei biosacchetti per legge coinvolge anche gli artigiani
un calzolaio che esamina una scarpa

di Gabriella Lax - Sono esenti dallo scontrino per il lavoro ma dovranno fare pagare il sacchetto. I calzolai cadono nella rete della legge che impone, dal primo gennaio, la cessione a titolo oneroso di tutti i bio sacchetti che vengono consegnati da commercianti e artigiani al cliente.

Leggi: Sacchetti frutta e verdura: da oggi a pagamento

Calzolai, anche da loro il sacchetto si paga

«Dobbiamo far pagare un sacchetto che prima, nella maggioranza dei casi, davamo gratis? Ebbene sì. È un obbligo, ce lo impone la legge», racconta al Sole 24 Ore Eugenio Moro Presidente regionale veneto dei calzolai di Confartigianato. Che succede dunque adesso? «Oltre al danno (per il consumatore) la beffa è per noi calzolai. In base a quanto contenuto nel Decreto del Presidente della Repubblica 21.12.1996, n.696 (Regolamento recante norme per la semplificazione degli obblighi di certificazione dei corrispettivi) - spiega - molte delle nostre botteghe sono esenti dalla emissione dello scontrino, che ora dovremmo comunque fare per un importo di pochi centesimi».

Secondo il presidente inoltre non è chiaro se il cliente, può andare dal negoziante con la propria borsa di plastica, senza rischiare di far incorrere il negoziante in una sanzione. E le sanzioni sono severe per chi trasgredisce: le multe partono infatti da 2.500 euro e arrivano a 100mila nel caso in cui la violazione dovesse riguardare un ingente quantitativo di buste oppure se il valore delle buste fuori legge è superiore al 10% del fatturato del trasgressore. Inoltre non si possono fare 'promozioni' per abbattere il costo del sacchetto poiché sarebbero considerate pratiche elusive.

Ma una soluzione ci sarebbe. «Abbandonare la plastica e passare alle borsine o sacchetti di carta o in tessuto, realizzati in vero materiale ecologico e che non impongono (per legge almeno) una spesa per i consumatori» prosegue Moro. Ma la spesa graverebbe così su negozianti e artigiani, andando ad intaccare margini di guadagno già bassi.

(24/01/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Arriva il Codice dei diritti degli animali
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Stop a Sim con servizi attivati e non richiesti
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss