Sei in: Home » Articoli

La giustizia sportiva

Chi è legittimato a proporre i reclami e i ricorsi alla Figc
Stadio affollato

Avv. Edoardo Di Mauro – Spesso gli appassionati di sport e quindi di calcio, si confrontano in discussioni quotidiane a sostegno della propria squadra del cuore commentando le notizie attinenti agli eventi sportivi (gare che lasciano sempre dubbi sulle decisioni arbitrali, o illeciti sportivi, etc.). Altri sono più interessati da vicino perché praticano lo sport da atleti o comunque facenti parte del team tecnico o dirigenza in ambito professionale o agonistico.

Vediamo, dunque, cosa stabilisce il Codice di giustizia sportiva della Figc in merito alla legittimazione a proporre ricorsi o reclami.

L'art. 33 del Codice di Giustizia sportiva della Figc

Ex art. 33 (Reclami di parte e ricorsi di Organi federali) sono legittimati a proporre reclamo, nei casi previsti dal codice, le società e i soggetti che abbiano interesse diretto al reclamo stesso.

Nello specifico, recita la norma, "per i reclami in ordine allo svolgimento di gare sono titolari di interesse diretto soltanto le società e i loro tesserati che vi hanno partecipato". Nei casi di illecito sportivo "sono legittimati a proporre reclamo anche i terzi portatori di interessi indiretti, compreso l'interesse in classifica".

Sono altresì legittimati a proporre ricorso:

a) il Presidente federale, anche su segnalazione dei Presidenti delle Leghe e del Presidente delegato del Settore per l'attività giovanile e scolastica;

b) la Procura federale avverso le decisioni relative ai deferimenti dalla stessa disposti.

I reclami e i ricorsi, sottoscritti dalle parti o dai loro procuratori, devono essere motivati e trasmessi, a cura degli interessati, agli Organi competenti con le modalità e nei termini fissati dall'art. 38, a pena di inammissibilità. Le irregolarità formali relative alla sottoscrizione dei reclami e dei ricorsi, nonché alla delega, sono sanabili sino al momento del trattenimento in decisione degli stessi. Le irregolarità procedurali che rendano inammissibile il reclamo non possono essere sanate con i reclami in successiva istanza.

Le parti, inoltre, hanno facoltà di non dare seguito al preannuncio di reclamo o di rinunciarvi prima che si sia proceduto in merito. In ogni caso, la rinuncia o il ritiro del reclamo non ha effetto per i procedimenti di illecito sportivo, per quelli che riguardano la posizione irregolare dei calciatori e per i procedimenti introdotti per iniziativa di Organi federali e operanti nell'ambito federale.

Avv. Edoardo Di Mauro (Siracusa)

Per ulteriori informazioni:

mail: edodim83@gmail.com

tel: 333 45 88 540

Edoardo Di MauroEdoardo di Mauro - articoli
E-mail: edodim83@gmail.com
Avvocato, si occupa di diritto amministrativo, penale, contratti, diritto dell'informatica ed internet.
(22/10/2017 - Edoardo Di Mauro)
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Tari: come chiedere il rimborso dal 2014Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
Cassazione: valida la querela implicitaCassazione: valida la querela implicita

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF