Sei in: Home » Articoli

Processo civile: l'atto di riassunzione va nel fascicolo originario

Sbaglia l'avvocato che provvede a depositarlo al ruolo generale
timbro di errore documenti o certificati

di Valeria Zeppilli – L'atto di riassunzione di un giudizio non deve essere depositato al ruolo generale, ma, piuttosto, nel fascicolo originario.

Con ordinanza del 21 marzo 2017 (qui sotto allegata), il Tribunale di Verona ha infatti negato la rimessione in termini a un avvocato, che aveva fondato la sua richiesta sull'esito negativo del deposito di tale atto, determinato proprio dall'averlo considerato come un atto introduttivo di un nuovo giudizio ai fini della scelta del deposito da effettuare.

Il deposito al ruolo generale è errato

Il legale, infatti, riteneva di essere incorso in decadenza per il fatto che la cancelleria aveva richiesto che il deposito avvenisse previa attribuzione di una diversa dicitura all'atto. In realtà, però, il ritardo era stato determinato dall'errore dell'avvocato, che non aveva depositato l'atto nel fascicolo originario come avrebbe dovuto fare e come emergeva, peraltro, anche nella comunicazione di esito del deposito che gli era stata inviata automaticamente.

Il Tribunale, nel respingere l'istanza di rimessione in termini, ha oltretutto rilevato che la comunicazione di cancelleria era giunta nella casella p.e.c. dell'avvocato alle ore 11:25 dell'ultimo giorno utile per il deposito e quindi in tempo utile per permettergli di provvedere a sanare l'errore.

Se quindi il legale avesse avuto cura di verificare la propria casella di posta, in base al "principio di diligenza generale dell'utente esterno" di cui all'articolo 20 del d.m. n. 44/2011, avrebbe potuto ravvedersi e provvedere a un deposito tempestivo e corretto.

Il giudizio deve quindi essere dichiarato estinto e le spese vanno poste a carico della parte che ne ha cagionato l'estinzione a causa della sua inattività.

Tribunale di Verona testo ordinanza 21 marzo 2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(03/07/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Divorzio: via libera all'app per gestire i figli senza conflitti
» Sfratti: il termine di grazia
» Guida legale: La revoca della rinuncia all'eredità.
» Lavoro: da domani in vigore le nuove regole sulle visite fiscali
» Eredità: la ripartizione dei debiti tra gli eredi


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss