Sei in: Home » Articoli

EquiPro: come funziona il nuovo servizio Equitalia per i professionisti

ServirÓ a gestire meglio le cartelle e anche ad aderire alla procedura di rottamazione
immagine servizio Equipro Equitalia

di Gabriella Lax - ╚ partito il progetto EquiPro, la nuova area riservata all'interno del portale di Equitalia, destinata ai professionisti per gestire nel miglior modo le cartelle, che consentirÓ di inviare, per conto dei propri assistiti, anche le dichiarazioni per la definizione agevolata, che conta giÓ, ad oggi, oltre 400mila domande di adesione.

Il ruolo degli intermediari

Grazie al nuovo servizio venti categorie professionali, associazioni e ordini, tra cui commercialisti, consulenti del lavoro, avvocati tributaristi e centri di assistenza fiscali (Caf), potranno gestire cartelle, avvisi, rate e scadenze dei loro clienti direttamente dal proprio pc, smartphone o tablet, compiendo tutte le operazioni utili per conto dei loro assistiti.

L'intermediario o l'incaricato abilitato per poter accedere all'area riservata del portale di Equitalia deve essere giÓ abilitato al servizio Entratel dell'Agenzia delle entrate e alla funzione denominata "servizi online Equitalia". Gli intermediari, in possesso di delega, tramite Equipro potranno eseguire direttamente dal proprio computer, smartphone o tablet, le operazioni utili per conto dei loro assistiti, anche quelle relative alla definizione agevolata. Entrando nell'area riservata del portale della societÓ pubblica di riscossione, intermediari e incaricati abilitati avranno via libera anche ai piani di rateizzazione dei loro clienti e utilizzare una serie di funzionalitÓ operative.

Come funziona EquiPro

La modalitÓ di attribuzione e accettazione delle deleghe prevede tre importanti step: intanto l'intermediario abilitato (o suo incaricato) deve entrare nell'area riservata agli intermediari EquiPro con le credenziali di Entratel dell'Agenzia delle entrate o tramite Smart Card (Carta Nazionale dei Servizi). Deve poi accedere alla sezione "Gestione deleghe" e accettare il regolamento con le "Condizioni generali di adesione" al servizio che ha validitÓ quattro anni.

Dal canto suo, il contribuente (delegante) deve entrare nell'area riservata ai cittadini con le proprie credenziali e accedere alla sezione "Delega un intermediario", prendere visione delle "Condizioni generali di adesione" ai servizi web e indicare il codice fiscale dell'intermediario abilitato che desidera delegare.

La delega, che potrÓ essere revocata in qualsiasi momento, ha una validitÓ di due anni; infine l'intermediario abilitato (o suo incaricato), sempre nella sezione "Gestione deleghe", dovrÓ accettare la delega ricevuta, potendo poi iniziare ad operare per conto dell'assistito.

(18/03/2017 - Gabriella Lax)
Le pi¨ lette:
» Carta identitÓ elettronica: come si richiede
» Gratuito patrocinio: il tribunale non pu˛ pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Pensioni: Ape volontaria, pronte le convenzioni
» Diritto di recesso: cos'Ŕ e come si esercita
In evidenza oggi
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione
Autovelox: addio multa sul rettilineo senza l'altAutovelox: addio multa sul rettilineo senza l'alt

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF