Sei in: Home » Articoli

Utero in affitto: Cedu, giusto togliere il bambino

La Corte di Strasburgo "assolve" l'Italia per il caso Campanelli-Paradiso. Il bambino andava tolto ai genitori non biologici
offrire soldi a donna incinta evoca pratica utero in affitto

di Marina Crisafi - Non c'è nessuna violazione dei diritti umani nell'allontanare dalla famiglia non biologica un bambino nato da utero in affitto. Ad affermarlo è la Grande Camera della Corte Europea dei diritti dell'uomo che, nella sentenza di oggi (qui sotto allegata in versione inglese), ha dato ragione all'Italia, nel caso Campanelli-Paradiso che nel 2011 avevano avuto un bambino ricorrendo alla maternità surrogata in Russia, successivamente allontanato dalla coppia e dato in affidamento.

Confermando i precedenti dei giudici italiani, quelli di Strasburgo hanno respinto il ricorso dei coniugi. Per la Corte, infatti, non c'è stata nessuna violazione dell'art. 8 della Cedu (rispetto della vita privata e familiare) e il bambino non ha subito pregiudizio o conseguenze gravi dalla separazione, attesa la mancanza di qualsiasi legame biologico con i ricorrenti e la breve durata della relazione con gli stessi.

Per la Corte Edu, in altre parole, non può parlarsi di vita familiare. Bene ha fatto dunque lo Stato, a togliere il bambino alla coppia, riaffermando, sostiene la Corte, la propria competenza esclusiva a riconoscere un legame di filiazione (sussistente solo in caso di legame biologico o regolare adozione) con lo scopo di proteggere il piccolo.

Cedu, caso Paradiso-Campanelli
(24/01/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Reato per la madre che non fa vedere i figli al padre
» Anas cerca avvocati penalisti
» La sospensione condizionale della pena
» Anas cerca avvocati penalisti
» Successioni: dal 1 gennaio 2019 solo online

Newsletter f g+ t in Rss