Sei in: Home » Articoli

PCT: le cancellerie possono utilizzare il pdf.zip

Per la Cassazione tale formato non altera il documento ma persegue l'unica finalità di comprimerlo
computer telematico

di Valeria Zeppilli – Le cancellerie dei Tribunali sono solite trasmettere i file per le comunicazioni telematiche in formato compresso .pdf.zip. Ciò per esigenze di celerità e di facilità della trasmissione.

Un file di tal genere, infatti, pesa di meno rispetto al .pdf standard e riesce a viaggiare tramite web più velocemente e con meno rischi di bloccare i sistemi a causa del peso eccessivo.

La domanda che molti si sono posti a tal proposito, però, è questa: si tratta di un'operazione ammissibile?

Recentemente un legale ha provato a metterlo in discussione, avanzando le sue ragioni in una causa vertente in materia di prelazione agraria e riproponendole sino al terzo grado di giudizio: l'unico formato ammissibile per le comunicazioni di cancelleria sarebbe il .pdf. Ma la Corte di cassazione, con la sentenza numero 14827/2016, del 20 luglio scorso, lo ha definitivamente fermato: il formato .zip non è idoneo ad alterare i documenti ma persegue l'unica finalità di comprimerli e renderli, quindi, trasmissibili in maniera più agevole.

Con l'ennesima pronuncia in materia di processo civile telematico, quindi, la Suprema corte ha sancito che è del difensore l'onere di dotarsi di una configurazione del proprio personal computer idonea a consentire l'accesso al formato compresso.

Senza dimenticare che è comunque un'estrinsecazione dell'onere di diligenza gravante sui legali quello di rivolgersi direttamente alla cancelleria del giudice competente per superare le difficoltà, eventualmente chiedendo un nuovo invio.

Insomma: via libera definitivo al formato .pdf.zip!

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(02/08/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Colpo di frusta: si al risarcimento anche senza esami strumentali
» Cassazione: lo screenshot vale come prova
» Cassazione: lo screenshot vale come prova
» Telefono: i costi di disattivazione sono illegittimi
» Ecco chi è Giuseppe Conte, il premier in lizza


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss