Sei in: Home » Articoli

L'istanza di vendita tardiva

Quando e come la mancata presentazione dell'istanza comporta l'inefficacia del pignoramento e l'estinzione della procedura esecutiva

di Valeria Zeppilli – Secondo quanto previsto dall'articolo 497 del codice di procedura civile, il pignoramento non dura in eterno, ma è sottoposto a un termine di efficacia, che, a partire dalla scorsa estate, è stato ridotto da 90 a 45 giorni.

L'articolo 501 del codice di rito, poi, precisa che l'istanza di assegnazione o di vendita dei beni pignorati può essere proposta solo dopo che siano decorsi dieci giorni dal pignoramento (fanno eccezione le cose deteriorabili, delle quali può essere disposta l'assegnazione o la vendita immediata).

Dalla combinazione di tali due norme emerge chiaramente che l'istanza di vendita, salvo che per le cose deteriorabili, può essere proposta dopo dieci giorni dal pignoramento ma entro quarantacinque giorni dallo stesso.

Cosa succede, quindi, se il creditore propone ugualmente l'istanza di vendita oltre il termine di efficacia del pignoramento?

Succede che il pignoramento diviene inefficace e la procedura esecutiva si estingue.

A tal fine, il debitore deve proporre un'istanza di estinzione nella prima difesa successiva al verificarsi del fatto estintivo, ovverosia nell'udienza per la fissazione della vendita.

Più in particolare, è stata la Corte di cassazione a chiarire, con la sentenza numero 18366/2010, che questa è la procedura da seguire ad opera del debitore, il quale, invece, non deve proporre opposizione degli atti esecutivi.

Se il debitore non provvede a presentare l'istanza di estinzione, tuttavia, il giudice può provvedervi anche di ufficio, sempre non oltre l'udienza successiva al momento in cui si è verificata l'estinzione.

Ciò sulla base del combinato disposto degli articoli 497 e 630 del codice di procedura civile, che disciplinano, rispettivamente, i termini di efficacia del pignoramento e l'inattività delle parti.

Non manca tuttavia una parte (minoritaria) della dottrina che ritiene che il giudice può dichiarare l'estinzione per mancata presentazione dell'istanza di vendita solo nel caso in cui il debitore abbia presentato la relativa eccezione mentre può provvedervi d'ufficio nel caso in cui il creditore non depositi nei termini i documenti da allegare all'istanza.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(28/01/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardarioAddio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF