Adeguamento Istat

L'adeguamento Istat Ŕ un meccanismo molto usato che permette di rendere un certo pagamento (come il canone di locazione) coerente con il costo della vita 

L'adeguamento Istat Ŕ un meccanismo di rivalutazione su base annua del costo della vita, che viene utilizzato spessissimo per rendere giusto e attuale l'ammontare di importi corrisposti periodicamente per molti anni (ad esempio, la pensione o i canoni di locazione).

  1. Adeguamento Istat: il costo della vita 
  2. Adeguamento Istat: su cosa incide
  3. Adeguamento Istat: gli indici utilizzati
  4. Come conoscere l'adeguamento Istat

Adeguamento Istat: il costo della vita 

Per comprendere al meglio la portata dell'adeguamento Istat, occorre ricordare cosa si intende per costo della vita.

Sappiamo tutti che 1 kg di pane veniva venduto a un certo prezzo nel 1950 e a un prezzo decisamente diverso nel 2013. Lo stesso discorso vale per altri beni, soggetti a cambiamenti di prezzo (quasi sempre verso l'alto) che dipendono da numerosi fattori: disponibilitÓ delle materie prime per produrli, introduzione di dazi, mutamenti geopolitici e via dicendo.

Il caso tipico Ŕ quello della benzina, in grado di influire sul costo di moltissimi altri prodotti e servizi.

Il compito di calcolare l'andamento del costo della vita, in Italia, viene affidato all'Istituto Nazionale di Statistica, il cui acronimo Ŕ appunto ISTAT. 

Adeguamento Istat: su cosa incide

Gli ambiti nei quali si manifesta l'adeguamento Istat interessano gran parte della popolazione italiana. Tra i principali troviamo l'assegno di mantenimento, l'affitto (o per meglio dire il canone di locazione), la rendita INAIL e la pensione.

Adeguamento Istat affitti

L'adeguamento Istat del canone di locazione, in particolare, Ŕ quello che pi¨ di ogni altro pesa sulle tasche della popolazione, essendo elevata la percentuale di coloro i quali vivono in affitto.

Va detto che l'eventuale aumento del canone non si ripercuote per forza sull'inquilino.

SarÓ di volta in volta il proprietario a decidere se assorbire l'aumento o alzare in proporzione il canone. Questa scelta deve rispettare in ogni caso l'adeguamento annuo, il cui calcolo pu˛ essere effettuato dal commercialista, da uno studio legale o tramite software disponibili in rete. L'adeguamento non si paga una tantum ma va a modificare la rata di affitto mensile.

L'adeguamento sul canone di locazione cambia a seconda del contratto. Per chi ha stipulato un contratto concordato, il tipico 3+2, la legge prevede un adeguamento annuale al 75% della rivalutazione Istat. Per chi invece ha stipulato un contratto libero, 4 + 4 anni, l'aumento Istat applicabile Ŕ pari al 100% della rivalutazione. Per le locazioni ad uso diverso dall'abitazione (uffici, negozi, depositi, box auto) l'adeguamento annuale, salvo contratti superiori a 6 anni, rimane fissato al 75%. A scanso di contestazioni, Ŕ opportuno che la modalitÓ di calcolo dell'adeguamento venga riportata nel contratto.

Adeguamento Istat: gli indici utilizzati

Per quanto essenziale, il canone di locazione non Ŕ l'unica area dove si applica l'adeguamento Istat. Come accennato in precedenza, a essere soggetti a rivalutazione annuale sono anche l'assegno di mantenimento, la rendita INAIL e la pensione, e questo solo per citare i pi¨ noti.

Tuttavia, non tutte le rivalutazioni sono uguali per il semplice fatto che, per calcolarle, vengono usati diversi indici di prezzi, ovvero diverse medie di prezzi di una classe di beni o servizi in un determinato arco  temporale.

I tre indici usati dall'Istat sono:

1) l'Indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettivitÓ (NIC);

2) l'Indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati al netto dei tabacchi (FOI);

3) l'Indice dei prezzi al consumo armonizzato per i Paesi membri dell'Unione europea (IPCA).

Come conoscere l'adeguamento Istat

Le variazioni Istat vengono pubblicate di mese in mese nella Gazzetta Ufficiale. Per rimanere aggiornati sull'andamento del FOI (utilizzato per i contratti di locazione e non solo) consigliamo di fare riferimento alla pagina sui dati periodici del Sindacato Inquilini Casa E Territorio (Sicet).

Ricordiamo infine ai lettori che Ŕ disponibile su studiocataldi.it lo strumento per il calcolo della rivalutazione monetaria e quello per il calcolo congiunto di interessi e rivalutazione

Roberto Zambon
Aggiornamento gennaio 2020