Sei in: Home » Articoli

Cassazione: inammissibile ricorso presentato attraverso telegramma

Con la sentenza n. 10404 depositata il 15 marzo 2011, la Corte di Cassazione ha stabilito che Ŕ inammissibile il ricorso proposto da un legale con un telegramma. La Corte ha infatti spiegato che l'invio del ricorso attraverso telegramma non potrebbe essere paragonato e/o assimilato all'invio del ricorso tramite posta. Secondo la ricostruzione della vicenda, in seguito alla dichiarazione di inamissibilitÓ del ricorso proposto dal legale attraverso telegramma avverso un'ordinanza, il Tribunale del riesame aveva dichiarato l'inammisibilitÓ dello stesso in base alla circostanza che l'atto era stato trasmesso mediante telegramma dettato per telefono, e, per questo motivo era privo della sottoscrizione autentica del difensore come previsto dal combinato disposto degli artt. 581, 582, 583 c.p.p. Secondo il ricorrente, che proponeva ricorso per Cassazione, dagli articoli richiamati non emergerebbe alcuna differenziazione di disciplina per i telegrammi spediti a mezzo posta e quelli inviati previsa dettatura elefonica, mentre la certezza in ordine all'autenticitÓ della provenienza e all'identitÓ dell'impugnante poteva essere dedotta attraverso un semplice controllo sulla titolaritÓ dell'utenza telefonica.
La Corte rigettando il ricorso, non ritenendo di condividere la tesi prospettata dal ricorrente, ha in proposito affermato che "la giurisprduenza Ŕ assolutamente prevalente nel ritenere inammissibile l'impugnazione (anche per la richiesta di riesame) proposta dal difensore mediante telegramma il cui testo sia dettato per telefono, trattandosi di una modalitÓ che non garantisce certezza in ordine all'autentitcitÓ della provenienza e all'identiÓ dell'impugnante (Cass. sez. I, 27 ottobre 2009, n. 44660, C.E.D. cass, n. 255679), come invece avverrebbe attraverso la proposizione mediante spedizione del telegramma dagli uffici postali. la dettatura telefonica del testo del telegramma non trasforma, infattim in un atto scritto, corredato dalla sottoscrizione, l'originaria comunicazione orale e dunque non soddisfa i requisiti di forma previsti dalla legge (Cass., sez. II, 19 gennaio 2006, n. 3627, C.E.D. Cass., n. 233372)".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/03/2011 - Luisa Foti)
Le pi¨ lette:
» Diritto all'indennitÓ di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF