Sei in: Home » Articoli

Tribunale di Milano: ai fini della class action si considera consumatore anche chi acquista un bene in modo "strumentale"

Dal Tribunale di Milano giungono importanti novità su elementi formali per proporre una class action, cioè un'azione collettiva contro un'impresa o la Pubblica Amministrazione. Le novità si trovano in un'ordinanza, depositata il 20 dicembre 2010, presso il Tribunale di Milano, causa RG 98/10, che ha ammesso in parte l'ammissibilità di un'azione collettiva contro un'azienda farmaceutica, in merito a un foglio illustrativo ritenuto ingannevole. Il punto più importante su cui è intervenuto il giudice, respingendo le rilevazioni della difesa sta nel fatto che è da considerarsi consumatore anche colui che acquista un prodotto in modo strumentale, cioè non per finalità connesse al consumo del bene stesso, ma anche solo per provarne l'irregolarità. Nel caso specifico, infatti, l'azienda aveva eccepito il fatto che il consumatore che aveva proposto l'azione collettiva altro non fosse che un avvocato dei consumatori, quindi, non avrebbe avuto la qualifica di consumatore, per potere avviare l'azione risarcitoria contro l'azienda. Il giudice, sebbene al momento solo per l'udienza preliminare, quindi, con le cautele connesse a una prima fase dell'azione giudiziaria, ha, invece, respinto quanto la difesa avesse eccepito, considerando il ricorrente un vero e proprio consumatore. Altro punto su cui è intervenuto il Tribunale riguarda la non possibilità di citare in giudizio un'azienda, per qualità relative a un bene commercializzato, non prodotto direttamente, ma da terzi.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/02/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF