Sei in: Home » Articoli

Non può essere revocato l'assegno di mantenimento al figlio che ha un lavoro non adeguato alla professionalità acquisita

assegno penna id9475
L'obbligo di versare il contributo di mantenimento per i figli maggiorenni al coniuge presso il quale vivono, cessa solo se il genitore obbligato riesca a provare che essi abbiano raggiunto l'indipendenza economica con un lavoro che corrisponda alla professionalità acquisita. Altra sentenza in tema di mantenimento in favore dei figli maggiorenni non economicamente autosufficienti. Nel caso di specie, un uomo che chiedeva la riduzione dell'assegno di mantenimento in favore del figlio che aveva trovato un lavoro che non era in linea con la professionalità acquisita.
Nel motivare la sentenza la Corte ha infatti spiegato che “in regime di separazione o di divorzio fra i genitori, l'obbligo di versare il contributo di mantenimento per i figli maggiorenni al coniuge presso il quale vivono, cessa solo ove il genitore obbligato provi che essi abbiano raggiunto l'indipendenza economica, percependo un reddito corrispondente alla professionalità acquisita in relazione alle normali condizioni di mercato ovvero che essi si sottraggano volontariamente allo svolgimento di un'attività lavorativa adeguata. Una volta che sia provato l'indizio di un'attività lavorativa retribuita, costituisce valutazione di merito, incensurabile in cassazione se motiva, quella circa l'esiguità, in relazione alle circostanze del caso, del reddito realizzato al fine di escludere o diminuire l'assegno (ex multis: Cass. 17 novembre 2006, n. 24498; 17 giugno 2006, n. 15756; 24 novembre 2004, n. 22214; 3 aprile 2002, n. 4765).
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(01/02/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF