Sei in: Home » Articoli

Al via il corso di formazione per mediatori familiari organizzato dall'associazione "il Ponte"

L'Associazione “Il Ponte” in collaborazione con il Consorzio Universitario Piceno organizza la seconda edizione del corso di formazione per mediatori familiari al fine di formare professionisti che siano in grado di utilizzare la mediazione, sempre più richiesta dai Tribunali e anche dagli Enti locali, in ambito sia pubblico che privato. La formazione garantisce una preparazione teorica e pratica che non solo soddisfa gli standard di Formazione fissati dal Forum Europeo di Formazione e Ricerca in Mediazione Familiare di Marsiglia ma consente anche, una volta terminato il corso, di affrontare, attraverso le tecniche acquisite, tutta la casistica che la professione propone.
Il corso, a numero chiuso (con un massimo di 25 corsisti) è rivolto ai laureati in Psicologia, Sociologia, Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione, Scienze della Formazione, Giurisprudenza, Pedagogia, Filosofia, Scienze Sociali e ai laureandi nelle medesime discipline che al termine del corso avranno conseguito la laurea ed è accreditato dall'A.I.Me.F. (Associazione Italiana Mediatori Familiari).
Il costo è di Euro 2.500,00 + IVA (20%) e per gruppi di almeno 4 persone è previsto uno sconto del 10% a persona.
Le lezioni si terranno ad Ascoli Piceno – Sede Consorzio Universitario Piceno, Sala Docens, Piazza Roma.
Per qualsiasi informazione è possibile compilare il form presente sul sito dell'Associazione www.associazioneilponte.info
(02/10/2010 - Avv.Francesca Romanelli)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF