Sei in: Home » Articoli

Cassazione: chi mette a disposizione "carrette del mare" Ŕ responsbile in caso di naufragio

Anche se non ha partecipato direttamente all'operazione, chi ha messo a disposizione le cosiddette carrette del mare" Ŕ responsabile nel caso in cui si verifichino esiti drammatici. Lo ha stabilito la prima sezione penale della Corte di Cassazione confermando la condanna a 30 anni di reclusione un armatore pakistano considerato l'organizzatore del viaggio di migranti che naufrag˛ la notte di Natale del 1996 nel Canale di Sicilia. Nell'incidente persero la vita 283 clandestini. Secondo la Corte il fatto che l'armatore "non fosse presente al momento del duplice impatto non vale ad escludere la responsabilita' in quanto la distanza frapposta alla parte finale dell'azione non esclude il concorso gia' efficacemente realizzato in favore dell'evento". In particolare l'imputato, spiega la Corte (sentenza 16193/2010), "era ben in grado di rappresentarsi l'esito drammatico di quel trasbordo e lo aveva organizzato accettando il rischio dell'evento". Il fatto che si sia rifiutato di "partecipare all'azione", scrive la Corte "non era sufficiente ad integrare la desistenza, visto che aveva comunque contribuito all'azione fornendo il battello e coordinando da terra le operazioni senza dare il minimo segno di dissociazione dalla volonta' dei correi".
Altre informazioni su questa sentenza
(28/04/2010 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» Trasferimento ex legge 104: l'istanza di cambio incarico non pu˛ essere trascurata dall'amministrazione
» Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile
» Assicurazione avvocati: al via il countdown per l'obbligo di polizza
» Codice della strada: al via le multe europee
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
In evidenza oggi
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Avvocato: niente responsabilitÓ per il solo fatto di aver commesso un erroreAvvocato: niente responsabilitÓ per il solo fatto di aver commesso un errore
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF