Sei in: Home » Articoli

Laurito interviene su sentenza Cassazione: una brutta abitudine etichettare italiani

In un intervista all'Adnkronos Marisa Laurito ha dichiarato il suo dissenso in relazione alla recente decisione della Corte di Cassazione che ha ritenuto non offensiva l'etichetta di "napoletano" attribuita da un giudice ad un teste che vaceva il vago in aula. E' una "brutta abitudine" quella di "etichettare" gli italiani a seconda della provenienza. L'artista napoletana fa notare che "Il termine non e' certamente denigratorio ma e' caratterizzante perche' quel giudice ha voluto cosi' affibbiare ai napoletani la caratteristica dei 'perdi tempo'". La Laurito evidenzia che quella di dare etichette "e' una lunga storia.
Se pensiamo che cosa si dice dei 'siciliani, o dei 'torinesi, falsi e cortesi'. Anche dei padani si dicono cose inenarrabili. E' una brutta abitudine, tutto qui". L'artista napoletana conclude dicendo "ha certamente sbagliato quel giudice ma e' anche vero che Napoli fa sempre parlare molto di se', a volte eccessivamente".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/03/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF