Sei in: Home » Articoli

Cassazione: per compensare le spese di giudizio non basta una 'clausola di stile'

La seconda sezione civile della Corte di Cassazione ha stabilito che per compensare le spese di giudizio a norma dell'art. 92 c.p.c. il giudice è tenuto a indicare in modo esplicito i motivi che lo hanno indotto alla compensazione. Non può bastare dunque una mera clausola di stile per giustificare la compensazione delle spese del giudizio. La Corte (sentenza n. 4159/2010) invita dunque i giudici di merito a considerare quanto disposto dal'art. 92, comma 2, c.p.c., nel testo modificato dall'art. 2, comma 1, lett. a), l. n. 263/05 inbase al quale "il giudice deve esplicitamente indicare i motivi per cui procede alla compensazione". La sentenza è stata dunque cassata con rinvio ed ora il Tribunale di Roma a dover riesaminare il caso tenendo conto del principio di diritto enunciato dalla suprema Corte e decidere anche in relazione alle spese del giudizio di Cassazione.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/03/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullità della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non più iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF