Sei in: Home » Articoli

Crisi economica: Censis, l'Italia cerca di razionalizzare i rischi

Secondo quanto emerge dal secondo diario della crisi redatto dal Censis l'Italia, di fronte alla crisi economica, non si è lasciata prendere dal panico né vi sono state reazioni irrazionali. Sembra piuttosto che sia aumentato il numero degli italiani con propensione al risparmio, Secondo il Censis è cominciato “un periodo di compressione sociale dagli esiti ancora imprevedibili''. Nel diario di febbraio del Censis, alla domanda ''cosa pensa di fare per tutelarsi nell'attuale situazione economica'', l'8% degli italiani ha risposto di sentirsi confuso solo l'1,4% teme che dovra' indebitarsi. Il 7,8% dichiara che intaccherà i risparmi accumulati. Il grosso degli italiani attuerà invece strategie di contenimento e di razionalizzazione delle spese: il 43,2% cerca di risparmiare di piu' e il 15,5% non vuole rinunciare a nulla anche se cerchera' di spendere meno. Il 22,2% pensa di tagliare i consumi, mentre un 12,5% non fara' assolutamente nulla.
Insomma rispetto allo scorso mese di ottobre sono aumentati gli italiani che manifestano una propensione al risparmio (+9,3%) e sono diminuiti (-3%) coloro che annunciano tagli futuri dei consumi. Molti italiani comunque sembrano comportarsi ''a prescindere'' dalla crisi. Se ne parla tanto ma ciò non sembra incidere in modo significativo sui loro comportamenti, che continuano a seguire le abitudini di sempre. Non si rinuncia alla settimana bianca tanto che la stagione invernale ha registrato un +6% delle presenze in montagna rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Si risparmia invece su fattori accessori e va diffondendosi una certa oculatezza nelle spese, ma l'impressione e' che alla qualita' della vita non si voglia rinunciare.
(07/03/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF