Sei in: Home » Articoli

TAR Lazio: cure all'estero? Vanno sempre autorizzate se non è possibile farle in Italia

La Terza Sezione del Tribunale Amministrativo del Lazio (Sentenza n. 3112/2008) ha stabilito che le cure sanitarie all'estero, debbono essere sempre autorizzate dalle ASL nei casi in cui si tratta di prestazioni di altissima specializzazione che non vengono erogate nelle strutture italiane pubbliche o convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale.
Con questa decisione i Giudici Amministrativi hanno accolto il ricorso di due genitori italiani che si erano visti negare l'autorizzazione dalla ASL di competenza, a fruire all'estero di prestazioni sanitarie di altissimo livello per il loro figlio minorenne.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/08/2008 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF