Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il mobbing? Non è reato

La Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 33624 dello scorso 29 agosto) ha precisato che il mobbing non è reato e contro le vessazioni del datore di lavoro e/o dei colleghi, il lavoratore può tutelarsi chiedendo il risarcimento in sede civile o fare una denuncia penale per maltrattamenti.
I Giudici del Palazzaccio, sulla premessa che nel nostro Ordinamento Penale non esiste una specifica fattispecie di reato cd. “mobbing” hanno precisato che in caso di denuncia penale il lavoratore, al fine di ottenere la condanna dei colpevoli, dovrà fornire la prova della reiterazione della persecuzione e della discriminazione.
Difatti, precisano i Giudici la colpa deve incentrarsi sulla prova della reiterazione di una pluralità di atteggiamenti che convergono sia nell'esprimere l'ostilità del soggetto attivo verso la vittima sia nell'efficace capacità di mortificare e di isolare il dipendente nell'ambiente di lavoro.
Con questa decisione la Corte ha respinto il ricorso di una insegnante contro il Presidente della sua scuola denunciato per mobbing.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/08/2007 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Con la depressione si può avere la 104?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF