Sei in: Home » Articoli

Giudice di Pace: il credito della scheda prepagata è terminato? Il collegamento internet non può continuare

Il Giudice di Pace di Mascalucia (Sentenza n. 460/06) ha riconosciuto il diritto di un consumatore a vedersi risarcito il danno provocatogli dalla TIM rea di aver disposto, all'insaputa del consumatore, il proseguimento della connessione Internet a costi più elevati, anche dopo l'esaurimento della carta prepagata. Nella sentenza il Giudice ha chiarito di non aver ritenuto lecito tale comportamento della TIM neanche in presenza di una clausola generale riportata sulla scheda prepagate, che prevede la mancata interruzione della linea all'esaurirsi del credito. Difatti, ha continuato il Giudice, oltre al fatto che tale clausola è stata inserita sul retro della carta prepagata a caratteri ridottissimi, tra le condizioni generali manca completamente l'indicazione in merito al cambio di tariffa in caso di esaurimento del credito. Il Giudice di Pace ha infine dichiarato la vessatorietà di tali clausole e conseguentemente la loro inefficacia perché lesiva degli interessi dei consumatori.
(08/03/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Gli elementi del reato
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
» Divorzio: scacco matto all'assegno per la ex
» Canone Rai: ancora 6 giorni per chiedere l'esenzione
In evidenza oggi
Processo tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagareProcesso tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagare
Condominio: per la revoca dell'amministratore non serve l'avvocatoCondominio: per la revoca dell'amministratore non serve l'avvocato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo