Sei in: Home » Articoli

Cassazione: risarcimento per ingiusta detenzione? Il nome 'malfamato' non lo abbassa

Il risarcimento per l' ingiusta detenzione patita? Non si riduce se chi ha subito la carcerazione illegittima ha un nome, per cosi' dire, 'malfamato'. Parola della Corte di Cassazione, che ha annullato la decisione presa dalla Corte d'appello di Milano nei confronti di un giovane che si era visto liquidare una somma molto piu' bassa rispetto a quella rivendicata (58 mila euro a fronte dei 200 mila richiesti) come riparazione per l'ingiusta detenzione sofferta dal gennaio del '98 al luglio del '99 per il reato di violenza sessuale. Secondo i giudici di merito, l'imputato, avendo un cognome materno portato da diversi pregiudicati, aveva diritto ad un risarcimento minore visto che, proprio per il nome, non aveva subito un grave ''discredito sociale''. Ragionamento bocciato dalla Suprema Corte che, nella sentenza 38005, ha sottolineato come questo tipo di ragionamento non sia ''logico perche' attribuisce alla persona una tutela del suo decoro non in base alla sua personale situazione, ma in base all'appartenenza familiare o sociale''. Rinviando il caso alla Corte d'Appello di Milano, la Cassazione ricorda che il giudice di merito doveva ''invece considerare se proprio in considerazione all'appartenenza familiare il discredito conseguente alla misura custodiale non aggravasse il coinvolgimento della personalita' dell'istante nel pubblico disdoro riservato ad altri membri della sua famiglia''.
(10/12/2006 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Blue Whale Challenge: il gioco che uccide. Ecco i consigli della polizia
» Le cose che il fisco non ti può pignorare
» Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
» Divorzio: in arrivo gli accordi prematrimoniali
» Guide Legali: L'incaricato di un pubblico servizio
In evidenza oggi
Vaccini: 75mila firme per la petizione contro il decretoVaccini: 75mila firme per la petizione contro il decreto
Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studioAvvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF