Sei in: Home » Articoli

Cassazione: si intende minore di anni diciotto il soggetto di cui all'art. 609 septies co.4 n. 2)

Con il termine "minore adoperato ex art. 609 septies co. 4 n. 2) c.p.c. deve identificarsi il soggetto che non ha ancora compito i diciotto anni, in assenza di ogni specificazione in ordine all?età di tale soggetto, e non il minore degli anni sedici di cui all?art. 609 quater co. 1, n. 2) c.p. E? quanto hanno di recente affermato i giudici della Cassazione penale (Sent. n. 7873/2006), precisando che la ratio della prima disposizione è ?dettata dalla necessità di impedire che le norme derivanti dal rapporto di dipendenza, anche economica della parte lesa, minorenne, nei confronti della?autore del reato possano essere di ostacolo alla punizione degli abusi sessuali commessi da quest?ultimo, mentre l?individuazione del limite di età stabilito nella seconda delle disposizioni citate, è ispitato esclusivamente da considerazioni afferenti la maturità psicologica e sessuale del minore".
20
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/04/2006 - Francesca Romanelli)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Avvocati: la petizione contro la Cassa forense arriva nei tribunali
» Caduta sulle scale bagnate? Paga il condominio
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF