Sei in: Home » Articoli

Omessa pronuncia in materia civile

Qualora il giudice civile abbia omesso di pronunciarsi su una delle domande la parte ha la facoltà non solo di far valere tale omissione in sede di gravame ma anche di rinunciare alla domanda per poi riproporla in autonomo giudizio. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione (Sentenza n.8327 dell?11 giugno 2002) precisando che detta rinuncia ?costituisce espressione della facoltà della parte di modificare la domanda precedentemente formulata e si distingue sia dalla rinuncia agli atti del giudizio, che va espressa nelle forme di cui all'art. 306 c.p.c. e richiede l'accettazione della controparte, sia dalla disposizione negoziale del diritto controverso?.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/07/2002 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF