Sei in: Home » Articoli

Cassazione n. 22621/2015. Di nuovo sull'inadeguatezza della Fini-Giovanardi

Dopo la dichiarazione di incostituzionalità che l'aveva travolta un anno fa, la legge Fini-Giovanardi sulle droghe leggere viene di nuovo messa in discussione dalla Cassazione
Cassazione

Dopo la dichiarazione di incostituzionalità che l'aveva travolta circa un anno fa, la legge Fini-Giovanardi viene di nuovo messa in discussione dalle sezioni unite della Corte di Cassazione, stavolta nell'entità del minimo edittale.

Nel febbraio 2014, la Consulta aveva infatti bocciato la legge 49/2006 (meglio nota come "Fini-Giovanardi", dal nome dei promotori), relativamente alle norme che prevedevano l'equiparazione di droghe leggere e pesanti ai fini sanzionatori. La questione di legittimità costituzionale, sollevata allora dalla terza sezione penale della Corte di Cassazione, si poneva per il presunto contrasto – poi accertato – della legge con l'art. 77 della Costituzione (in materia di conversione dei decreti-legge) dal momento che nella stesura finale del testo di legge erano stati inseriti numerosi emendamenti che nulla avevano a che vedere con l'oggetto del decreto convertito (le Olimpiadi di Torino 2006!).

Pertanto, venuta meno la legittimità di punizioni tanto severe anche per gli spacciatori di derivati della cannabis – reclusione da 6 a 20 anni e multa da 26.000 a 260.000 euro – era tornato a rivivere il regime sanzionatorio posto dalla "antica" legge Iervolino-Vassalli, corrispondente a una forbice compresa fra 2 e 6 anni.

Adesso, con la decisione n. 22621/2015, del 26 febbraio scorso, gli Ermellini contestano l'inadeguatezza anche delle pene detentive minime (6 anni) irrogate nel frattempo sulla base della Fini-Giovanardi nei confronti dei soggetti condannati per spaccio di droghe cosiddette leggere, seppure rientrino nei nuovi limiti edittali.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/03/2015 - Mara M.)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF