Sei in: Home » Articoli

Cassazione: giro di vite contro gli stalkers. Vietato anche lo sguardo.

La Corte di Cassazione sentenza n. 5664/2015 ha introdotto il
molestie stalking mobbing
La Corte di Cassazione nella sentenza n. 5664/2015 ha introdotto una sorta di decalogo sui comportamenti che gli stalkers non possono avere nei confronti delle loro vittime. Nel decalogo, la Corte introduce anche il "divieto di sguardo" quando questo esprima dei sentimenti e stati d'animo: anche lo sguardo ossessivo da parte dello stalker infatti può essere percepito come una minaccia.
Come spiega la Corte, il divieto di avvicinamento rende off-limits una serie di comportamenti come quello di "avvicinarsi fisicamente" alla vittima, pedinarla, cercare di contattarla, "rivolgersi a lei con la parola o lo scritto" e persino "guardarla" quando lo sguardo, appunto, assume la funzione di esprimere sentimenti e stati d'animo.

Secondo i giudici della Corte di Cassazione sono molteplici le azioni che lo stalker non può compiere: non può pedinare la vittima, né cercare di comunicare faccia a faccia, e neppure perseguitarla con telefonate o messaggi sul cellulare. 

Sono tutti "comportamenti che lo stalker è solito fare e che i soggetti appartenenti alla detta categoria comprendono benissimo", osservano i giudici della Corte.

La Cassazione, nel caso di specie ha poi chiarito che la misura cautelare del "divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla vittima" non può essere generica sia perché l'obbligato potrebbe non sapere quali sono i luoghi abitualmente frequentati dalla vittima, sia perché tali luoghi potrebbero mutare "a seconda delle esigenze e delle abitudini della persona, sia perché la misura assumerebbe una elasticità dipendente dalle decisioni (o anche dal capriccio) dell'offeso, a cui verrebbe rimesso, sostanzialmente di stabilire il contenuto della misura".

In sostanza, i giudici di merito debbono specificare se lo stalker debba tenersi lontano da luoghi determinati (e in tal caso detti loghi vanno indicati specificamente), oppure "se debba tenersi lontano, puramente e semplicemente dalla persona offesa; e se una siffatta prescrizione debba essere accompagnata da divieti di comunicare, anche con mezzi tecnici".


(08/02/2015 - G.C.)
Le più lette:
» Trasferimento ex legge 104: l'istanza di cambio incarico non può essere trascurata dall'amministrazione
» Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile
» Assicurazione avvocati: al via il countdown per l'obbligo di polizza
» Codice della strada: al via le multe europee
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
In evidenza oggi
Avvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un erroreAvvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un errore
Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripassoTabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF