Cassazione: danno biologico e danno “catastrofale” nei sinistri stradali

Il caso che occupa rientra tra quelli nei quali il danno morale è altamente significativo anche in presenza di un danno biologico lieve o da liquidarsi in misura lieve
incidente pedone

di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione terza, sentenza n. 811 del 20 Gennaio 2015. 
E' legittimo parametrare la liquidazione del danno morale sulla base della previa quantificazione del danno biologico? Nel caso di specie ricorrono i parenti della vittima, deceduta a seguito di incidente stradale, dopo che la domanda proposta nel merito – e reiterata in appello – contro l'impresa assicurativa designata dal Fondo vittime della strada è stata accolta solo in parte, avendo il giudice di primo e di secondo grado accertato un lieve danno biologico (essendo la vittima deceduta quasi sul colpo) e di conseguenza avendo liquidato un importo, relativo al c.d. “danno catastrofale”, relativamente basso.

Tralasciando l'aspetto dell'accertamento di fatto, riservato al giudice del merito, la Suprema corte afferma che in linea generale non è illegittimo che il giudice, nel calcolare il danno morale, si basi sulle risultanze relative al danno biologico; occorre tuttavia valutare la situazione caso per caso, poiché “ricorrono numerosi casi in cui, pur non sussistendo un significativo danno biologico, sussiste invece un rilevante danno morale, ragione per la quale la valutazione del danno morale va operata caso per caso e senza che il danno biologico possa essere un riferimento assoluto. Il caso che occupa rientra tra quelli nei quali il danno morale è altamente significativo anche in presenza di un danno biologico lieve o da liquidarsi in misura lieve”. 

Il danno, derivante dalla “consapevolezza dell'incombere della propria fine” (c.d. danno catastrofale), resta indipendente dal danno biologico. Il giudice del merito avrebbe dovuto tenere conto dell'intensissima sofferenza morale della vittima. Il ricorso è accolto e la sentenza cassata con rinvio.

Vai al testo della sentenza 811/2015
(26/01/2015 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF