Al via i saldi invernali. Ecco il decalogo dell'Adiconsum per evitare le truffe

Come ogni anno arrivano le regole e i consigli per difendersi dalle truffe tipiche dei periodi di sconti e promozioni
shopping acquisti negozio saldi outlet

Parte ufficialmente la stagione dei saldi invernali 2015, anticipata ad oggi rispetto alla tabella di marcia iniziale del 5 gennaio (e in alcuni casi, come in Campania e Basilicata, a ieri), su istanza dei commercianti alle prese con una crisi che ha ridotto i guadagni al lumicino.

Le previsioni, però, non proprio rosee, parlano di un calo degli acquisti quasi dell'8% e di una spesa media per famiglia di circa 336 euro.

L'importo complessivo dedicato agli sconti invernali (la cui media si attesterà su almeno il 40%), secondo le stime di Confcommercio si aggirerà intorno ai 5,3 miliardi di euro e riguarderà, innanzitutto, abbigliamento, calzature ed accessori, seguiti dalla categoria dell'intimo, degli articoli sportivi, della pelletteria e della biancheria per la casa.

Come ogni anno, inoltre, arrivano le regole e i consigli per difendersi dalle truffe tipiche dei periodi di sconti e promozioni.

Ecco di seguito il decalogo pubblicato dall'Adiconsum per i consumatori, al fine di evitare di cadere nei raggiri che potrebbero annidarsi dietro ai prodotti in saldo;

-      Prezzi sui cartellini

Prima regola per evitare le truffe è quella di fare attenzione ai cartellini della merce in saldo che devono riportare sia il prezzo d'origine che la percentuale di sconto applicata, oltre all'importo finale;

-      No a sconti esagerati

Diffidare dagli “sconti esagerati” che si attestano su percentuali superiori al 50% e al 60%, perché potrebbero riguardare merce non nuova. Preferire, per i propri acquisti, negozi già conosciuti;

-      Merce a costo pieno

Altro importante suggerimento è quello di prestare attenzione alla presenza eventuale di prodotti venduti a prezzo pieno insieme a quella in sconto. In tal caso, oltre a scegliere liberamente se acquistare o meno, si può segnalare la cosa alla locale Adiconsum;

-      Confronto prezzi

Comparare i prezzi con quelli effettuati dagli altri negozi a parità di merce, è uno dei consigli per evitare i raggiri, magari annotandosi l'importo del prodotto o del bene cui si è interessati;

-      Merce in vetrina

Verificare che la merce esposta in vetrina sia identica a quella presentata all'interno del negozio;

-      Pagamenti elettronici

Non accettare rifiuti sui pagamenti elettronici. I negozianti che, di regola, accettano i pagamenti effettuati con bancomat o carte di credito, esponendo il logo relativo, sono tenuti infatti ad accettare tale metodo di pagamento anche durante i saldi;

-      Provare la merce

Anche se è facoltà del negoziante consentire, o meno, di provare la merce, è bene diffidare dei prodotti (soprattutto capi di abbigliamento) che non possono essere provati;

-      Regali in saldo

Attenzione alla merce acquistata in saldo al fine di regalarla. L'obbligo del cambio ricade, infatti, solo sulla merce difettosa che va restituita al negoziante entro 2 mesi dalla scoperta del vizio, mentre la sostituzione del prodotto per problemi di taglia, modello o colore è solo una facoltà concessa dal commerciante, spesso, non accordata nel periodo dei saldi;

-      Conservare lo scontrino

Conservare sempre lo scontrino dell'acquisto per poter cambiare la merce comprata.

Anche in caso di restituzione del prodotto difettoso lo scontrino è necessario per far valere la garanzia sui vizi;

-      Tutele per rifiuti cambi

In caso di rifiuto da parte del negoziante di cambiare un articolo acquistato in saldo che si rivela difettoso o di restituire l'importo pagato, rivolgersi alla polizia municipale o segnalare il caso alla sede locale dell'Associazione italiana Difesa Consumatori o sull'apposito gruppo “Sos Saldi” su Facebook.

(03/01/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF