Sei in: Home » Articoli

Al via i saldi invernali. Ecco il decalogo dell'Adiconsum per evitare le truffe

Come ogni anno arrivano le regole e i consigli per difendersi dalle truffe tipiche dei periodi di sconti e promozioni
shopping acquisti negozio saldi outlet

Parte ufficialmente la stagione dei saldi invernali 2015, anticipata ad oggi rispetto alla tabella di marcia iniziale del 5 gennaio (e in alcuni casi, come in Campania e Basilicata, a ieri), su istanza dei commercianti alle prese con una crisi che ha ridotto i guadagni al lumicino.

Le previsioni, però, non proprio rosee, parlano di un calo degli acquisti quasi dell'8% e di una spesa media per famiglia di circa 336 euro.

L'importo complessivo dedicato agli sconti invernali (la cui media si attesterà su almeno il 40%), secondo le stime di Confcommercio si aggirerà intorno ai 5,3 miliardi di euro e riguarderà, innanzitutto, abbigliamento, calzature ed accessori, seguiti dalla categoria dell'intimo, degli articoli sportivi, della pelletteria e della biancheria per la casa.

Come ogni anno, inoltre, arrivano le regole e i consigli per difendersi dalle truffe tipiche dei periodi di sconti e promozioni.

Ecco di seguito il decalogo pubblicato dall'Adiconsum per i consumatori, al fine di evitare di cadere nei raggiri che potrebbero annidarsi dietro ai prodotti in saldo;

-      Prezzi sui cartellini

Prima regola per evitare le truffe è quella di fare attenzione ai cartellini della merce in saldo che devono riportare sia il prezzo d'origine che la percentuale di sconto applicata, oltre all'importo finale;

-      No a sconti esagerati

Diffidare dagli “sconti esagerati” che si attestano su percentuali superiori al 50% e al 60%, perché potrebbero riguardare merce non nuova. Preferire, per i propri acquisti, negozi già conosciuti;

-      Merce a costo pieno

Altro importante suggerimento è quello di prestare attenzione alla presenza eventuale di prodotti venduti a prezzo pieno insieme a quella in sconto. In tal caso, oltre a scegliere liberamente se acquistare o meno, si può segnalare la cosa alla locale Adiconsum;

-      Confronto prezzi

Comparare i prezzi con quelli effettuati dagli altri negozi a parità di merce, è uno dei consigli per evitare i raggiri, magari annotandosi l'importo del prodotto o del bene cui si è interessati;

-      Merce in vetrina

Verificare che la merce esposta in vetrina sia identica a quella presentata all'interno del negozio;

-      Pagamenti elettronici

Non accettare rifiuti sui pagamenti elettronici. I negozianti che, di regola, accettano i pagamenti effettuati con bancomat o carte di credito, esponendo il logo relativo, sono tenuti infatti ad accettare tale metodo di pagamento anche durante i saldi;

-      Provare la merce

Anche se è facoltà del negoziante consentire, o meno, di provare la merce, è bene diffidare dei prodotti (soprattutto capi di abbigliamento) che non possono essere provati;

-      Regali in saldo

Attenzione alla merce acquistata in saldo al fine di regalarla. L'obbligo del cambio ricade, infatti, solo sulla merce difettosa che va restituita al negoziante entro 2 mesi dalla scoperta del vizio, mentre la sostituzione del prodotto per problemi di taglia, modello o colore è solo una facoltà concessa dal commerciante, spesso, non accordata nel periodo dei saldi;

-      Conservare lo scontrino

Conservare sempre lo scontrino dell'acquisto per poter cambiare la merce comprata.

Anche in caso di restituzione del prodotto difettoso lo scontrino è necessario per far valere la garanzia sui vizi;

-      Tutele per rifiuti cambi

In caso di rifiuto da parte del negoziante di cambiare un articolo acquistato in saldo che si rivela difettoso o di restituire l'importo pagato, rivolgersi alla polizia municipale o segnalare il caso alla sede locale dell'Associazione italiana Difesa Consumatori o sull'apposito gruppo “Sos Saldi” su Facebook.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/01/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF