Sei in: Home » Articoli

Il giudice scrive in modo illeggibile? La sentenza è nulla e il giudizio va rifatto. Lo dice la Cassazione

L'illegibilità della sentenza determina una violazione dei diritto al contraddittorio delle parti

La sentenza scritta di pugno dal giudice con grafia incomprensibile può valere l'azzeramento di una condanna. È quanto è capitato ad un imputato, che dopo una condanna per il reato di ingiuria inflittagli dal Tribunale di Varese, con sentenza scritta in modo illeggibile, ricorreva per Cassazione deducendo la nullità del provvedimento e la violazione del diritto di difesa per l'indecifrabilità della grafia dell'estensore.

La Suprema Corte gli ha dato ragione.

Con la sentenza n. 46124 del 7 novembre 2014, la Cassazione ha chiarito che “l'indecifrabilità grafica della sentenza, quando non sia limitata ad alcune parole e non dia luogo a una difficoltà di lettura agevolmente superabile, è causa di nullità d'ordine generale a regime intermedio, perché, non solo si risolve nella sostanziale mancanza della motivazione, ma in più determina una violazione dei diritto al contraddittorio delle parti, pregiudicando la possibilità di ragionata determinazione in vista dell'impugnazione e di un'efficace difesa”.

La sentenza, hanno sottolineato infatti gli Ermellini, non è un "atto privato" del giudicante ma un decisum rivolto a terzi, per cui sia la legge che la logica e l'urbanità impongono che la stessa sia comprensibile.

Per la Corte, quindi, non ci sono dubbi, considerata tra l'altro l'impossibilità di reperire una copia leggibile del documento, nonché una sua riproduzione "in chiaro" neanche ad opera del suo stesso autore, va disposto sia l'annullamento della sentenza che dell'intero giudizio di secondo grado.

Qui sotto il testo della sentenza.

Cassazione Penale, testi sentenza 7 novembre 2014, n. 46124
(10/11/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Contratto di convivenza: come funziona
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunali
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF