Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'aiuto di un collaboratore nell'impresa familiare determina ampliamento della capacità contributiva

L'Agemzia può rifiutare il rimborso IRAP se il contribuente si è avvalso di un collaboratore nell'impresa familiare
tasse commercialista

di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione sesta, ordinanza n. 22628 del 24 Ottobre 2014. 

E' legittimo rifiutare, in caso di silenzio diniego, la richiesta del contribuente di rimborso IRAP, se lo stesso durante l'anno ha usufruito dell'aiuto di un collaboratore presso la propria impresa familiare. E' quanto chiarisce la Corte di Cassazione che ha accolto un ricorso dell'Agenzia delle Entrate. 

In precedenza tale rifiuto era stato ritenuto invece illegittimo dalla Commissione tributaria, che aveva ritenuto che “le spese generali e i beni strumentali riscontrati non modificavano il carattere strettamente personale dell'attività svolta, mentre l'ausilio del collaboratore in impresa familiare non poteva avere assicurato l'ampliamento delle capacità personali”.

E' corretto,spiega la Corte,  fondare le proprie valutazioni sulle circostanze che, al fine di riscontrare il carattere dell'autonoma organizzazione, il contribuente sia il solo responsabile dell'organizzazione e che lo stesso, ai fini della produzione, impieghi in forma minima rispetto al lavoro apportato, beni strumentali. 

La prova dell'esistenza dell'autonoma organizzazione, per ottenere il rimborso dell'imposta non dovuta, spetta al contribuente. 

Non è corretto,invece, ritenere che la collaborazione all'attività da parte di un familiare non sia di per sé idonea a produrre ricchezza ulteriore “rispetto a quella conseguibile con il solo apporto lavorativo personale del titolare”. L'intervento di questa figura è quindi idoneo ad ampliare le capacità personali del contribuente.


Vai al testo della sentenza 22628/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/10/2014 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
Avvocato e notaio: ecco le professioni più noiose
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF