Cassazione: rischia la condanna per tentato omicidio chi utilizza una mazza da baseball durante una lite

L'uso della mazza da baseball ha un'oggettiva idoneitÓ a offendere mettendo in pericolo il bene della vita
Rischia la condanna per tentato omicidio chi utilizza una mazza da baseball durante una lite. Parola di Cassazione. Secondo la Corte il giudice deve infatti verificare se determinati atti risultino dotati di "oggettiva idoneitÓ a offendere e mettere in concreto pericolo il bene della vita, protetto dalla norma incriminatrice" e rivelino l'intenzione di commettere omicidio (ossia il delitto previsto e punito dall'art. 575 codice penale.

Per compiere questa valutazione il giudice deve in qualche modo calarsi nella situazione che si presentava all'imputato al momento dei fatti e tenere conto delle conseguenze possibili dell'azione e senza che il giudizio possa essere condizionato dagli effetti realmente raggiunti.

Nel caso preso in esame dai giudici di Piazza Cavour una lite tra donne era degenerata ed aveva coinvolto anche altre persone.

Uno degli intervenuti aveva in mano una mazza da baseball e l'aveva usata per colpire un altro uomo (intervenuto anche lui nella lite) facendolo cadere a terra con gravi ferite che ne determinavano il ricovero in ospedale, con prognosi riservata, presso il reparto di neurochirurgia.

Nella parte motiva della sentenza gli ermellini evidenziano che i giudici di merito, nella sentenza impugnata, hanno correttamente valorizzato l'idoneitÓ dello strumento utilizzato (mazza da baseball) la pluralitÓ, intensitÓ e violenza dei colpi inferti alla persona offesa,  la loro direzione al capo della vittima, sede di organi vitali, la furia aggressiva e le modalitÓ cruente che avevano connotato l'azione dell'indagato.

Qui di sotto il testo della sentenza.

Corte di Cassazione testo sentenza 1 ottobre 2014 n. 40642
(10/10/2014 - A.V.)
Le pi¨ lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF