Sei in: Home » Articoli

Sezioni unite: riduzione del compenso al difensore civico. Un caso di riparto di giurisdizione

Provvedimento amministrativo – attuativo di disposizione di legge regionale - di riduzione del compenso spettante al difensore civico: vi è lesione di un diritto soggettivo o di un interesse legittimo
avvocato libri id10506

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione civile a sezioni unite, ordinanza n. 19971 del 28 Settembre 2014

Provvedimento amministrativo – attuativo di disposizione di legge regionale - di riduzione del compenso spettante al difensore civico: vi è lesione di un diritto soggettivo o di un interesse legittimo? La giurisdizione è del giudice ordinario o amministrativo? Questa la problematica affrontata dalle Sezioni Unite nel caso di specie. In una precedente pronuncia della stessa Corte si rilevava che “in tema di riparto di giurisdizione, la controversia avente ad oggetto la scelta dei criteri per la determinazione del compenso, fisso e aggiuntivo, spettante ai componenti delle commissioni tributarie per l'attività svolta (ufficio onorifico equiparabile a quello del difensore civico) appartiene alla giurisdizione del giudice amministrativo trattandosi di emolumenti di natura indennitaria, la cui determinazione non è automatica ma resta affidato al potere discrezionale dell'autorità che ha proceduto alla nomina dei componenti medesimi”.

Nonostante ciò, la Suprema corte in questo caso è pervenuta a soluzione diametralmente opposta, considerando che, ferma restando la natura onorifica dell'ufficio di difensore civico (non certo paragonabile a pubblico impiegato), la determinazione del suo compenso è strettamente collegata alla percentuale, decisa con legge regionale, rispetto alla retribuzione percepita dai consiglieri regionali, secondo le modalità per essi previste. Tale inquadramento, secondo la Corte, rigidamente precostituito per legge (norma attributiva del potere, in questo caso vincolato) farebbe venir meno ogni tipo di discrezionalità amministrativa. La determinazione del compenso non può infatti avvenire con mero provvedimento amministrativo ma deve essere stabilito dalla stessa legge regionale, atto normativo. In capo del difensore civico sussisterebbe quindi posizione di diritto soggettivo, con conseguente giurisdizione del giudice ordinario.

Vai al testo dell'ordinanza 19971/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/10/2014 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF