Sei in: Home » Articoli

Sinistro stradale: il dovere di solidarietà prescinde dal verificarsi in concreto del danno

strada auto sinistro rc ebrezza incidente

A seguito di un sinistro stradale, è imposto “l'obbligo di fermarsi per prestare l'assistenza eventualmente corrente nei confronti di chi abbia potuto subire danno, indipendentemente dal fatto che tale danno si sia verificato in concreto”. Così ha statuito la quarta sezione penale della Corte di Cassazione, con sentenza n. 33408 depositata il 29 luglio 2014, occupandosi del caso di un automobilista condannato per i reati di cui all'art. 189, commi 6 e 7, del Codice della Strada, per non aver prestato la necessaria assistenza ad un motociclista, dallo stesso investito, aggredendolo invece verbalmente senza sincerarsi delle sue condizioni ed allontanandosi mentre altre persone lo soccorrevano.

La responsabilità dell'imputato veniva affermata dal Tribunale di Udine e confermata dalla Corte d'Appello di Trieste.

L'uomo ricorreva per Cassazione, assumendo che non esisteva una situazione di bisogno effettivo dell'investito motociclista e che comunque non vi era dolo mancando la consapevolezza della necessità di assistenza.

Ma anche per la Cassazione, l'uomo è colpevole.

Il dovere di solidarietà, infatti, nei confronti della vittima di un incidente stradale, ha affermato la S.C., incombe a prescindere dall'effettiva oggettiva necessità della stessa.

Nel caso di specie, il fatto che l'imputato “di fronte al motociclista investito e caduto si sia limitato ad attribuirgli la responsabilità dell'incidente con espressioni virulente”, allontanandosi inopinatamente senza sincerarsi della sua reale condizione e senza dare conto di sé, integra una condotta quanto meno caratterizzata da dolo eventuale, per cui ha concluso la Corte, rigettando il ricorso, “correttamente si è ritenuto che l'imputato sia venuto meno al suo fondamentale dovere di solidarietà”. 

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/08/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF