Sei in: Home » Articoli

Morte da superlavoro: per il risarcimento va provato il nesso causale

lavoro fabbrica industria licenziamento lavoratore

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione lavoro, sentenza n. 9200 del 23 Aprile 2014. E' onere del danneggiato o, come nel caso di specie, dei suoi eredi, dimostrare la sussistenza di nesso causale tra patologia incorsa (infarto cardiaco che ha determinato la morte del dipendente di una nota casa automobilistica italiana) e l'attivitÓ lavorativa. 

Secondo gli eredi il decesso sarebbe stato determinato dallo stress derivante dal rilevante carico di lavoro cui il familiare era periodicamente sottoposto. Per il giudice del merito, gli eredi non avrebbero per˛ soddisfatto l'onere della prova, oltre al fatto che lo stress da lavoro lamentato sarebbe stato circoscritto ad un lasso temporale di pochi mesi, inidoneo a far sorgere quella determinata patologia. Lasso temporale comunque molto distante rispetto al momento specifico in cui si Ŕ verificato l'evento della morte. Avverso tale sentenza ricorrono in Cassazione gli eredi lamentando violazione di legge e vizio di motivazione.

Tra il periodo di presunto superlavoro e l'infarto cardiaco sarebbero decorsi pi¨ di due anni; tale circostanza Ŕ stata accertata in corso di causa, mentre resta il fatto che i ricorrenti, anche a mezzo di testimoni, non sono riusciti a fornire prova incontrovertibile del nesso causale tra condotta mantenuta ed evento dannoso. Secondo la Cassazione, inoltre, i ricorrenti avrebbero formulato nuovamente quesiti attinenti al merito, incorrendo in indebita duplicazione degli stessi, senza tener conto che il giudice di legittimitÓ pu˛ pronunciarsi soltanto su vizi specifici (violazione di legge, carenza o irragionevolezza della motivazione) i quali non devono derivare soltanto dalla denominazione formale degli stessi, ma anche e soprattutto dal contenuto del ricorso. Esso viene dunque rigettato.


Vai al testo della sentenza 9200/2014
(08/05/2014 - Avv.Licia Albertazzi)
Le pi¨ lette:
» Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
» Come si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema Corte
» Addio compenso per l'avvocato poco accorto
» Drogometro: al via in tutta Italia
» ResponsabilitÓ magistrati: il cittadino pu˛ agire direttamente per chiedere i danni
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno alla ex laureata che torna da mammÓDivorzio: niente assegno alla ex laureata che torna da mammÓ
╚ legale vietare l'accesso alle famiglie con bambini nei ristoranti?╚ legale vietare l'accesso alle famiglie con bambini nei ristoranti?
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF