Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Una bomboletta spray nella borsetta può essere considerata un'arma?

spray peperoncino
Avv. Barbara Pirelli del Foro di Taranto; email: barbara.pirelli@gmail.com
È vero, noi donne mettiamo proprio di tutto dentro le nostre borse. Che si tratti di una borsa griffata o no, essa racconta la storia di una donna e delle sue abitudini. Li dentro c'è quasi un mondo magico alla Mary Poppins.
E oggi non è affatto insolito trovarvi dentro anche una bomboletta spray antiaggressione come arma di difesa.
Ma quello che dobbiamo chiederci se è legale o meno portare con sé un simile dispositivo di difesa.

Questi spray, in certi casi, potrebbero essere considerati come armi proprie. Ma non è sempre così perché tutto dipende dal tipo di propellente e della miscela che vi è contenuta.

Più volte la Corte di Cassazione ha avuto modo di occuparsi di questa problematica.
Una sentenza del 2011 ad esempio (la numero 3116) aveva affermato che "Le bombolette spray a base di peperoncino rientrano nella nozione di armi comuni da sparo se la sostanza urticante è mescolata con altre sostanze - infiammabili, corrosive, tossiche, cancerogene o aggressivi chimici. In quel caso la Corte aveva escluso la configurabilità del reato perché la bomboletta conteneva una sostanza irritante naturale a base di peperoncino.

Nella stessa Sentenza la Corte ha specificato inoltre che "Non rientrano nel novero delle armi da guerra o delle armi comuni da sparo, quali definite dagli art. 1 e 2 l. n. 110 del 1975, le bombolette spray che contengano soltanto "oleoresin capsicum" (sostanza urticante derivata dal peperoncino) e siano conformi alle caratteristiche previste dal decreto del ministero dell'interno 12 maggio 2011 n. 103, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 157 dell'8 luglio 2011".

Tale decreto (Vedi testo qui sotto allegato) detta le regole per la "definizione delle caratteristiche tecniche degli strumenti di autodifesa che nebulizzano un principio attivo naturale a base di oleorisin capsicum".

Insomma bisogna vedere caso per caso se il contenuto della bomboletta spray può renderne o meno legale il possesso.

Di recente la Corte di Cassazione è tornata ancora una volta sull'argomento (sentenza n. 5719 del 05.02.2014) occupandosi della vicenda di un imputato condannato per porto e detenzione illegale di armi perché deteneva bombolette spray con soluzione irritante e lacrimogena.
L'uomo ricorrendo in Cassazione lamentava un vizio di motivazione in ordine alla qualificazione giuridica del reato che andava definito ai sensi dell'art. 4 della L n. 110 del 1975.
La Suprema Corte, seguendo un orientamento già consolidato ha ritenuto che la detenzione di una bomboletta spray con contenuto urticante (come quello rilevato nel caso in esame) costituisse porto illegale di arma perché il  gas urticante, anche se per breve durata, e' idoneo a provocare irritazione degli occhi, quindi, arrecare offesa; di conseguenza la bomboletta va considerata come arma comune da sparo (Corte di Cassazione sentenza n. 11753 del 28 febbraio 2012).

Dove si possono acquistare gli spray al peperoncino?

Praticamente ovunque, su internet, nelle armerie, nei negozi di videosorveglianza, perfino nei supermercati e nelle farmacie. La vendita, infatti, è libera.

 

Chi può acquistare questi prodotti?

La legge vieta di vendere il prodotto ai minori di 16 anni. 

 

Cosa riferisce chi è stato colpito dalla nebulizzazione di uno spray urticante?

Chi ha provato lo spray sulla propria persona, riferisce di dolori particolarmente elevati, tanto da immobilizzare l'uomo per circa 20 minuti. Tuttavia, esso non è in grado di causare lesioni permanenti. Il fastidio svanisce dopo aver abbondantemente lavato il viso con acqua fresca.




In breve e' bene sapere che:
È legale acquistare o vendere bombolette spray se queste rispondono alle caratteristiche indicate dal Decreto Ministeriale n. 103 del 12 maggio 2011.
Se queste regole non sono rispettate allora lo spray diventa una vera e propria arma da sparo.
I requisiti fissati dal D.M. 103/2011 perchè gli spray al peperoncino siano considerati legali sono diversi:
In primo luogo debbono contenere solo una miscela a base di Oleoresin Capsicum (OC) che è una sostanza derivata dal peperoncino.
La confezione non può contenere dosi superiori a 20 ml con una percentuale di Oleoresin Capsicum non superiore al 10% e una concentrazione massima di capsaicina e capsaicinoidi totali pari al 2,5%.
Nella miscela non devono esserci sostanze infiammabili, corrosive, tossiche, cancerogene o aggressivi chimici.
La gettata massima della bomboletta non deve essere superiore a tre metri.
Testo del DECRETO 12 maggio 2011, n. 103
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/04/2014 - Avv. Barbara Pirelli)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF