Sei in: Home » Articoli

Cassazione Sezioni Unite: commette reato di furto chi supera la cassa con la merce nascosta anche se non è ancora uscito dal supermercato

cassa sumermercato marcjet consumi istat scontrino lavoro consumi codacons
Avv. Barbara Pirelli del Foro di Taranto
E-mail: barbara.pirelli@gmail.com

Commette il reato di furto consumato, e non semplicemente tentato, chi all'interno di un supermercato sottrae dei prodotti esposti sugli scaffali superando la barriera delle casse. Anche se viene tempestivamente fermato dal servizio di vigilanza, il furto si è consumato; questo e' ciò che ha stabilito la Corte di Cassazione, pochi giorni fa, con la sentenza  n. 1701 del 16.01.2014.
Il reato di furto si realizza quando  un soggetto nasconde la merce in tasca o nella borsa, predisponendo le condizioni per passare dalla cassa senza pagare; con questa condotta il soggetto non solo sottrae la merce ma se ne impossessa (non importa se per lungo tempo o per pochi secondi).
Va altresì precisato che anche se il soggetto nasconde la merce sulla propria persona o la occulta in una borsa, l'ipotesi di reato e' sempre quella del furto semplice e non dell'ipotesi aggravata (cioè con un aumento di pena) per uso del mezzo fraudolento (il mezzo e' ad esempio la borsa o il giubbotto  dove si nasconde la merce).
La precisazione arriva dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite, con la sentenza n. 40354 del 30.09. 2013 Che ha risolto così un precedente contrasto giurisprudenziale.
E bene sapere che:
Cos'è il reato di furto (art.624 c.p.)
Commette il reato di furto chiunque si impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per sé o per altri”.
L'oggetto materiale dell'azione del furto è necessariamente una cosa mobile che sia idonea a soddisfare un bisogno umano sia morale che materiale; inoltre, l' oggetto deve essere suscettibile di valore di scambio (pecuniario o affettivo).
Sono considerate cose mobili anche:
1. l'energia elettrica;
2.gas;
3.l' energia termica;
4. le onde radio dei sistemi informatici (anche se le relative reti non sono protette da password).
Perché si consumi il reato di furto e' necessario che ci sia il c.d. "dolo specifico" cioè chi agisce deve essere consapevole che la cosa appartiene a qualcun altro,quindi, sottraendola sa che ne ricaverà un profitto per se o per gli altri.

Il furto è aggravato ai sensi dell'art. 625 c.p. che prevede queste ipotesi specifiche:
1. se il colpevole, per commettere il fatto, si introduce o si trattiene in un edificio o in un altro luogo destinato ad abitazione;
2. se il colpevole usa violenza sulle cose o si vale di un qualsiasi mezzo fraudolento;
3. se il colpevole porta in dosso armi o narcotici, senza farne uso;
4. se il fatto è commesso con destrezza;
5. se il fatto è commesso da tre o più persone ovvero anche da una sola, che sia travisata o simuli la qualità di pubblico ufficiale o d'incaricato di un pubblico servizio;
6. se il fatto è commesso sul bagaglio dei viaggiatori in ogni specie di veicoli, nelle stazioni, negli scali o banchine, negli alberghi o in altri esercizi ove si somministrano cibi o bevande;
7. se il fatto è commesso su cose esistenti in uffici o stabilimenti pubblici, o sottoposte a sequestro o a pignoramento o esposte per necessità o per consuetudine o per destinazione alla pubblica fede, o destinate a pubblico servizio o a pubblica utilità, difesa o reverenza;
8. se il fatto è commesso su tre o più capi di bestiame raccolti in gregge o in mandria, ovvero su animali bovini o equini, anche non raccolti in mandria;
8-bis. se il fatto è commesso all'interno di mezzi di pubblico trasporto;
8-ter. se il fatto è commesso nei confronti di persona che si trovi nell'atto di fruire ovvero che abbia appena fruito dei servizi di istituti di credito, uffici postali o sportelli automatici adibiti al prelievo di denaro.





Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/01/2014 - Avv. Barbara Pirelli)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF