Sei in: Home » Articoli

Ecco una analisi su alcuni aspetti dello sviluppo sostenibile nella ricerca spagnola

studio legale AF&G
LUCA VACCARI (CEO at A. F. & G. Group) - La necessità di segnare una strada di sviluppo contraddistinto dall'uso razionale, efficace ed efficiente delle risorse a disposizione dell'uomo, sta spingendo sempre più paesi ad adottare delle normative a sostegno di quelle abitudini che possano permettere di conservare nel migliore dei modi l'ecosistema. Sulla scia di questo slancio di innovazione e di ricerca, sono quindi nati degli speciali programmi che puntano a sviluppare partnership importanti con istituzioni di paesi stranieri. Così, per esempio, grazie alla cooperazione tra il PST di El Bierzo e la Città della Scienza di Napoli e il Metadistretto Veneto, è stato siglato un protocollo per dare via ad una forma di collaborazione tra queste regioni per far emergere e mettere in comune le rispettive esperienze reciproche per tutte quelle iniziative capaci di favorire forme di sviluppo sostenibile circoscritte ad un certo territorio. L'interessante e innovativa logica che sta alla base di questo progetto, nel corso del tempo potrebbe portare anche paesi come la Grecia, il Portogallo e la Slovenia ad abbracciare questo nuovo nella ricerca di modelli di sviluppo sostenibile in grado di rivoluzionare certe logiche ambientali in questi paesi facenti parte del Mediterraneo, con lo scopo di ottenere peraltro anche il sostegno dei finanziamenti europei, utili per trasmettere nuove teorie sulla qualità della vita e soprattutto sull'uso di energie di tipo rinnovabile nella vita di tutti i giorni. Grazie alla partnership di attori di primo piano quali la Città della Scienza - ritenuta a giusta ragione un importante attore nella trasmissione delle competenze di tipo scientifico e tecnologico utile a migliorare tanti l'assetto sociale quanto l'economia nel suo complesso - e al Metadistretto Veneto - un modello per quanto riguarda la condivisione dell'innovazione tra le aziende attive nel suo sistema - questo progetto potrà godere dell'appoggio di istituzioni molto all'avanguardia. Uno degli ambiti preso in considerazione dal progetto, è quello relativo al trasporto di tipo urbano a basso impatto ambientale, ritenuto strategico in considerazione della necessità di abbassare sensibilmente i livelli di inquinamento nei contesti cittadini: per arrivare a questo risultato, si è deciso di dare vita ad un vero e proprio distretto di biogas e metano di tipo liquido, all'interno del quale operano imprese all'avanguardia, per un progetto che potrebbe anche incassare il sostegno di Bruxelles. La sperimentazione di un modello alternativo della gestione dei rifiuti urbani e di origine agricola, ha invece interessato Venezia, l'Università Cà Foscari e infine il Metadistretto Veneto: anche in questo caso, il risultato finale è un minor impatto ambientale di queste attività umane necessarie a garantire un'organizzazione sociale efficiente e rispettosa della vita. L'ultimo progetto di cui vi parliamo, è invece relativo alla sicurezza alimentare: l'obiettivo è la realizzazione di un sistema che renda tracciabile l'origine dei prodotti, a tutela di particolari consorzi riconosciuti. Per gli imprenditori interessati a fare business in Spagna è disponibile una comparativa fiscale con pratico esempio al seguente link:COMPARATIVA FISCALE ITALIA - SPAGNA
Studio Legale e di consulenza aziendale in Spagna
Ana Fernandez & Geval

Indirizzo: Calle General Urrutia, 75 - 7A - 46013 Valencia (Spagna)
Tel: +39 0861 18 86 156
Email: abogadafernandez@nonbisinidem.com
Contatti con lo Studio Legale Ana Fernandez & Geval

Brochure dello studio legale Fonte: Ecco una analisi su alcuni aspetti dello sviluppo sostenibile nella ricerca spagnola (www.StudioCataldi.it)
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/01/2014 - L.V.)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF