Sei in: Home » Articoli

Responsabilità aquiliana: nel giudizio di appello il danno va esaminato ex novo

giudice sentenza martello

di Marco Massavelli - Corte di Cassazione Civile, sezione VI, sentenza n. 24886 del 6 novembre 2013. L'impugnazione della sentenza, avente ad oggetto la liquidazione del danno extracontrattuale compiuta dal giudice di primo grado, attribuisce al giudice d'appello il potere-dovere di riesaminare ex novo tutte le componenti del danno medesimo. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione Civile, con la sentenza 6 novembre 2013, n. 24886, richiamando quanto già affermato dalla Sezioni Unite Civili con la sentenza n. 8520/2007.

Come si legge in sentenza, la formazione della cosa giudicata, per mancata impugnazione su un determinato capo della sentenza investita dall'impugnazione, può verificarsi soltanto con riferimento ai capi della stessa sentenza completamente autonomi, in quanto concernenti questioni affatto indipendenti da quelle investite dai motivi di gravame, perché fondate su autonomi presupposti di fatto e di diritto. Di conseguenza deve affermarsi che non incorre nel vizio di ultrapetizione il giudice di appello che, investito del riesame dei criteri di liquidazione del danno, provveda a rideterminare il contenuto complessivo, e nello specifico, la sussistenza e l'entità delle sue varie componenti, poiché per “capo autonomo della sentenza” deve intendersi solo quello che risolve una questione dotata di una propria individualità e autonomia.

Non può riscontrarsi alcuna violazione o falsa applicazione del principio della corrispondenza tra chiesto e pronunciato, dal momento che il giudice di rinvio, nell'esercizio legittimo delle sue prerogative, si è limitato ad accogliere l'appello incidentale, conseguente alla cassazione parziale della precedente sentenza di secondo grado, accertando il pregiudizio in concreto subito dall'appellante incidentale per aver ricevuto un'opera di minor valore rispetto a quanto pattuito in conseguenza del vizio di mancata coibenza termica.


Vai al testo della sentenza 24886/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/11/2013 - C.G.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF