Sei in: Home » Articoli

Il Papa si dimette. Ecco cosa prevede il codice di diritto canonico

papa vaticano id13111
Sembra quasi Nanni Moretti, nel suo film Habemus Papam lo avesse in qualche maniera predetto. Ed infatti ciò che appariva una mera finzione, possibile solo sul set cinematografico, si è concretizzato in una decisione con cui Papa Ratzinger ha sorpreso il mondo cattolico.
Proprio così. Il Papa si dimette e spiega di avere deciso di lasciare l'incarico (per l'esattezza il 28 febbraio) perchè il pontificato è diventato per lui, anche in ragione dell'età avanzata, un peso insostenibile.

La chiesa spiega Ratzinger ha bisogno di qualcuno che vi si possa dedicarsi con la necessaria forza sia del corpo sia dell'anima. Anche se in epoche recenti non si sono verificati episodi del genere non bisogna dimenticare che il codice di diritto canonico prevede questa possibilità.

L'Art. 1 del libro II, parte II, sezione I, capitolo I recita testualmente: "Nel caso che il Romano Pontefice rinunci al suo ufficio, si richiede per la validità che la rinuncia sia fatta liberamente e che venga debitamente manifestata, non si richiede invece che qualcuno la accetti".

La possibilità di dimettersi era stata menzionata proprio da Ratzinger nel suo libro "Luce del mondo".
(11/02/2013 - N.R.)
Le più lette:
» Pensioni: le novità in arrivo
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
» Usucapione: legittimo l'accordo di accertamento dinanzi al notaio
» Ddl riscossione: niente più cartelle per debiti irrisori
In evidenza oggi
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF