Sei in: Home » Articoli

Codacons: task force di Equitalia per assistere imprese va allargata

fallimento povero mantenimento crisi equitalia tasse soldi crisi tagli sprechi
I vertici di Equitalia e il Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro hanno dato il via ad una task force congiunta: l'obiettivo sarà quello di analizzare eventuali situazioni critiche, come ad esempio quelle di imprese che continuano a ricevere cartelle per tasse già pagate o oggetto di sentenza favorevole a seguito di un contenzioso.

Il Codacons ha dichiarato che l'iniziativa non sarebbe sufficiente, aggiungendo che un'idea analoga era già stata proposta dalla stessa associazione con una lettera indirizzata al Presidente del Consiglio e al Presidente della Repubblica: per essere realmente efficace, l'iniziativa dovrebbe secondo il Codacons coinvolgere più soggetti come ministeri, commissioni parlamentari competenti e associazioni dei consumatori, e cambiare le attuali regole anziché limitarsi ad applicare meglio quelle vigenti.

Il Codacons ha inoltre fatto richiesta di essere convocato dalla task force per poter presentare quelle che sarebbero le maggiorazioni illegali per le cartelle relative alle violazioni al Codice della Strada comminate dai comuni: ai destinatari delle cartelle infatti, verrebbe richiesta la maggiorazione del 10% a semestre e del 20% all'anno per il pagamento ritardato, cosa che a seguito di numerose sentenze risulterebbe illegale.

“La cosa assurda è che i Comuni, avendo 5 anni di tempo per far giungere la cartella esattoriale, più tempo ci mettono a notificare più ci guadagnano” ha dichiarato l'associazione, aggiungendo che questo piccolo conflitto di interessi potrebbe essere risolto con una sanzione fissa al posto degli interessi semestrali.

“Non è, infatti, accettabile che il cittadino paghi di più, e così tanto, solo per il ritardo e l'inefficienza della Pubblica amministrazione nel notificare le cartelle esattoriali”, ha infine commentato il Codacons.

(29/05/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF